menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Segnalazioni: Liberiamo Leonardo!

Pubblichiamo una segnalazione firmata da Alessandro Clemente LIBERIAMO LEONARDO!!!! Leonardo e’ il bambino di Padova che ieri tutti abbiamo visto trascinato per strada dai servizi sociali ,da uno psichiatra che dovra’ ,mi auguro,rispondere...

Pubblichiamo una segnalazione firmata da Alessandro Clemente

LIBERIAMO LEONARDO!!!!

Leonardo e' il bambino di Padova che ieri tutti abbiamo visto trascinato per strada dai servizi sociali ,da uno psichiatra che dovra' ,mi auguro,rispondere all'ordine dei medici e anche da alcuni poliziotti che purtroppo dovevano eseguire il provvedimento.

Naturalmente, l'opinione pubblica si e' indignata per le modalita' operative della Polizia, e come al solito si tentera' di aprire un conflitto sociale tra i cittadini e le forze dell'ordine. A tal proposito e' intervenuto pure il Capo della Polizia Manganelli che ha avviato un'inchiesta interna in cui si assicura il massimo rigore.

Anche i Presidenti di Camera e Senato hanno chiesto conto al Capo della Polizia non risulta,al solito, che qualcuno abbia ,invece, chiesto conto al magistrato del Tribunale dei Minori competente e al PM che ha ordinato l'esecuzione del provvedimento.

Paghino tutti i responsabili di questa nuova ignominiosa vergogna nazionale e non ,come al solito ,gli anelli piu' deboli della catena.

Non interessano le beghe tra i genitori e chi abbia ragione in termini civilistici tuttavia l'integrita' fisica e soprattutto psicologica dei bambini debbono albergare non solo nel cuore e nella coscienza di tutti ma soprattutto nei principi ispiratori delle Istituzioni di un Paese che si autodefinisce civile.SIC!

Adottiamo tutti assieme Leonardo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Risi e bisi: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento