Senza patente trasporta quattro clandestini: passeur in manette

I cinque uomini sono stati fermati lungo la SR35. L’intenzione era quella di proseguire fino in Lombardia, ma l’improvvisa deviazione per i lavori in corso lungo la strada aveva momentaneamente disorientato il piano da seguire, definitivamente interrotto dall’arrivo dei Carabinieri.

Nella notte tra sabato 4 e domenica 5 luglio, i Carabinieri del Comando Provinciale di Trieste hanno arrestato un cittadino polacco per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e denunciato quattro cittadini extraeuropei (due pakistani, un afghano ed un indiano) per il reato di ingresso illegale nel territorio nazionale. Più in particolare, nel corso di un servizio di controllo delle aree a ridosso del confine, una pattuglia della Stazione di Prosecco ha notato, lungo la SR35, la presenza di un autoveicolo fermo, nei pressi di un supermercato, con i quattro indicatori di emergenza accesi.

Quell’auto un po’ malandata aveva attirato l’attenzione dei militari, che si erano avvicinati per comprendere il motivo di quella sosta, in un’ora in cui tutti i negozi erano chiusi e con le serrande abbassate. Oltre all’autista, i Carabinieri hanno così scorto, rannicchiati all’interno dell’abitacolo, altre quattro persone. Dai primi controlli effettuati, oltre a scoprire che il conducente del veicolo, un cittadino polacco di 33 anni, era sprovvisto di patente di guida perché mai conseguita, è emerso che i quattro passeggeri erano anch’essi privi di un qualsiasi documento e che erano entrati clandestinamente in Italia dal valico di Fernetti. Assieme ad altri equipaggi, giunti di rinforzo, le cinque persone sono state accompagnate in Caserma, per ulteriori più approfonditi accertamenti, all’esito dei quali è stato possibile ricostruire il cammino dei quattro migranti irregolari, tutti poco più che ventenni, per poter arrivare in Italia attraverso la rotta balcanica. Durante il loro viaggio, nella tappa intermedia in Slovenia, costoro avevano trovato ad attenderli il cittadino polacco che li ha accompagnati in auto sino in Italia.

L’intenzione era quella di proseguire fino in Lombardia, ma l’improvvisa deviazione per i lavori in corso lungo la strada aveva momentaneamente disorientato il piano da seguire, definitivamente interrotto dall’arrivo dei Carabinieri. Il cittadino polacco è stato così arrestato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e condotto al carcere triestino di via del Coroneo, secondo le prescrizioni del Pubblico Ministero di turno della Procura della Repubblica del Tribunale di Trieste, immediatamente informato, mentre i 4 passeggeri sono stati denunciati a piede libero ed accompagnati in un centro di accoglienza, in attesa di regolarizzare la loro posizione sul territorio nazionale, oltre naturalmente a dover sottoporsi ai previsti controlli anti- Convid. Nella mattina del 6 luglio l’arresto è stato convalidato dal Giudice per le indagini preliminari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento