Sesso a pagamento: lui non ha soldi, lei tenta la rapina

L'uomo non è riuscito a prelevare i contanti ed è stato aggredito dalla donna, che ha cercato di sottrargli portafoglio e cellulare. Segnalata dalla Guardia di finanza è stata arrestata dai Carabinieri

Lui non ha i soldi per pagare la prestazione sessuale, lei tenta di rapinarlo e viene arrestata. È successo a Trieste martedì 11 dicembre: i Carabinieri della Stazione di Scorcola, su segnalazione di un militare della Guardia di Finanza, hanno arrestato in flagranza di reato U.C., 28enne nigeriana, che ha tentatao di rapinare un 43enne senegalese, domiciliato a Trieste. I due si erano conosciuti il giorno prima in un località veneta, scambiati i primi convenevoli si erano dati appuntamento per il giorno successivo a casa dell'uomo per un rapporto sessuale a pagamento.

L'imprevisto

Le cose non sono andate come pattuito poiché la donna, a fronte del mancato pagamento, si è scagliata contro il "cliente", che non era riuscito a prelevare da due sportelli bancomat, tentando di impossessarsi del portafogli e del cellulare. La situazione è stato notato da diverse persone tra le quali vi era un ispettore della GdF che ha contattato il pronto intervento dei Carabinieri. La donna è stata arrestata e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dovrà rispondere del reato tentata rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento