Cronaca

Sicurezza: 200 telecamere attive in città. Occhi puntati su viabilità, movida e Saba

Roberti e Tonel sottolineano l'importanza degli strumenti tecnologici per una maggior sicurezza urbana

Un ampio “punto” sull'opportuno incremento nella collocazione di telecamere in città, ma anche sull'introduzione “in servizio” di altre nuove strumentazioni (quali gli autovelox), e ciò sia in termini quantitativi che di sempre più alto livello e perfezionamento tecnologico, tutto nella direzione di una maggior sicurezza urbana, sempre più percepita come necessaria e quindi auspicata dai cittadini, è stato svolto in Municipio in una conferenza stampa tenuta dal vicesindaco e assessore alla Sicurezza Pierpaolo Roberti assieme alla collega di Giunta Serena Tonel nella sua veste di assessore alla Comunicazione e ai Sistemi informativi e telematici.

200 telecamere: 10 nuove puntate su movida e Saba

L'aumento delle capacità di comunicazione verso la cittadinanza e l'introduzione di diverse innovazioni tecnologiche specifiche in tal senso - ha spiegato Roberti - è da considerare come uno dei tratti distintivi dell'Amministrazione in carica; l'assessore Tonel ha illustrato nei dettagli il particolare “settore” delle telecamere informando di come nell'anno da poco trascorso ne siano state installate 10 in più, tutte collocate in zone pedonali; laddove le precedenti erano maggiormente al servizio del controllo dei flussi di traffico autoveicolare o di specifici edifici, mentre queste ultime saranno più mirate, appunto, alla maggior sicurezza delle zone pedonali. Per fare un esempio “emblematico” una avrà il “compito” di controllare la via san Nicolò nel punto specifico dove è posizionata la statua di Umberto Saba, troppo spesso fatta oggetto - come noto - di atti vandalici. Altre - e tutte di alta definizione - saranno al servizio di zone cittadine come via Procureria angolo Punta del Forno, via di Cavana angolo Madonna del Mare, via Rossini - Palazzo Gopcevic (sede tra l'altro della Sala “Bazlen” e del Civico Museo Teatrale), piazza Vecchia - via del Ponte, piazza Venezia - inizio via Torino, piazza Hortis – Palazzo Biserini – Emeroteca, Passo Costanzi angolo via Malcanton, via San Nicolò – edificio ex scuola “Benco” (ora sede dei Servizi sociali comunali), via Coroneo angolo Zanetti, piazza Unità - fuori Sala Consiglio Comunale, piazza Ponte Rosso.

Come si può notare - è stato sottolineato -, molte di queste sono collocate nelle zone della cosiddetta “movida” e potranno contribuire al controllo e contrasto di eventuali eccessi. Da rilevare che la collocazione di nuove telecamere è stata chiesta anche dalle diverse Forze dell'Ordine per una maggior vigilanza generale. Il numero totale degli apparecchi in funzione sul territorio comunale è ora di circa 200, di cui 80 “cittadine” (con funzioni di sorveglianza generale), circa 80 “perimetrali” per il controllo di singoli e particolari edifici, più 40 per le esigenze di sicurezza dello Stadio.

roberti tonel-2

Finanziamenti regionali per nuovi acquisti e aggiornamenti

Appositi finanziamenti regionali – è stato precisato – hanno costituito un fondamentale contributo sia per i nuovi acquisti che per l'aggiornamento dei sistemi e dei server, anche per poter meglio supportare le telecamere ad alta definizione e di ultima tecnologia adottate, capaci, tra l'altro, di fornire immagini di ben più alta risoluzione. Strumenti i quali – hanno spiegato Roberti e la Tonel - rappresentano un effettivo e notevole passo avanti tecnologico e funzionale, ad esempio prevedendo la visualizzazione completa da 180° a 270° così consentendo di sorvegliare continuamente le zone interessate (le precedenti telecamere “Dome” brandeggiabili non lo permettevano essendo in continuo movimento e perciò “perdendo” in vari momenti alcuni punti dell'area controllata).

Da rilevare ancora che grazie al maggior “spazio disco” presente sui nuovi server e, parallelamente, all'entrata in vigore del nuovo Regolamento della Polizia Locale sulla Videosorveglianza cittadina,  il sistema potrà ora contenere fino a una settimana di registrazione continua, come consentito dalle normative vigenti (quali il provvedimento del Garante dell'8 aprile 2010). Il tutto a maggior beneficio anche delle eventuali indagini di polizia e quindi a maggior tutela della sicurezza della città.

Una sicurezza che sarà ulteriormente rafforzata – ha detto Roberti – dal nuovo Piano di Videosorveglianza cittadina in fase di predisposizione, con la previsione di nuove collocazioni di telecamere, anche nelle aree periferiche ritenute più “a rischio”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza: 200 telecamere attive in città. Occhi puntati su viabilità, movida e Saba

TriestePrima è in caricamento