Cronaca

Sicurezza a Trieste «sempre più a Rischio», Parola di Poliziotto

Trasmettiamo la lettera aperta di Cudicio Maurizio, Vice Segretario Nazionale Sindacato di Polizia A.D.P., che risponde al Questore Padulano Sig. Questore di Trieste, mi rivolgo principalmente a Lei e a quello che rappresenta nella nostra città...

Trasmettiamo la lettera aperta di Cudicio Maurizio, Vice Segretario Nazionale Sindacato di Polizia A.D.P., che risponde al Questore Padulano

Sig. Questore di Trieste, mi rivolgo principalmente a Lei e a quello che rappresenta nella nostra città. Per voce del Dott. Pansa , Capo della Polizia di Stato, si è appurato, se ancora fosse necessario, che la sicurezza in Italia è sempre più in pericolo. Lei, Sig. Questore, uomo da rispettare e da stimare, per aver svolto il lavoro del vero poliziotto e per i suoi precedenti incarichi ad alti livelli, ha risposto in questi giorni a numerose domande che le sono state poste da un giornalista, sempre in merito alla sicurezza. Ha riscontrato che le notizie che equiparano Trieste a Scampia, in merito alla sicurezza, sono a suo dire fuorvianti e che non riscontrano la realtà della nostra città.

Io, svolgo il mestiere di poliziotto dagli anni '80 a Trieste e sempre e solo in strada a contatto con i cittadini. Le posso assicurare che la situazione non è grave, ma direi tragica per tutti i motivi che le elenco di seguito.

Il cittadino si rivolge molto più spesso a noi operatori delle forze dell'ordine e non solo nei nostri uffici, ma per la strada, per le piazze e quando entriamo in un locale o in un negozio la prima cosa che ci dicono è che sono stanchi e stufi di tutta questa malvivenza che è cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni. Hanno paura di girare per città nelle ore notturne, per paura di essere aggrediti, gli anziani girano sugli autobus con la borsa stretta forte con due mani, perché hanno paura dei borseggi che oramai sono all'ordine del giorno.

Il cittadino non si sente più difeso perché sanno benissimo che i poliziotti sono sempre meno e sempre più vecchi, ci fanno spesso le solite domande ma una in particolare è quotidiana: «Ma come fate ad andare avanti nonostante lo Stato vi tratti sempre peggio?». La nostra risposta è scontata, ma non è questo il contesto per approfondirla.

Lei ha parlato anche di statistiche e che non corrisponderebbero alla realtà. Verissimo, perché la situazione è molto peggio. Ogni giorno le persone si presentano nei nostri uffici per chiedere di risolvere i loro problemi e noi facciamo di tutto per cercare di aiutarli. Ma in questi ultimi anni siamo costretti a dire le cose come stanno veramente, perché non si può più nascondere la polvere sotto i tappeti.

Sul codice penale vi sono articoli inerenti a reati gravi , tra i quali la rapina, l'omicidio e numerosi che mettono in evidenza l'uso della violenza, ma i cittadini si rivolgono a noi anche per gli altri reati molto meno gravi. Una banale lite famigliare, un diverbio, un semplice danneggiamento possono sfociare in ben più gravi reati e proprio per questo motivo i cittadini chiedono la nostra assistenza.

Ora questa assistenza non riusciamo più ad assicurarla per mancanza di uomini e mezzi e forse anche per la gestione del personale, che possiamo dire con certezza che se fossimo stati privati, a quest'ora la Polizia di Stato sarebbe già fallita.

Sig. Questore Lei rappresenta la nostra amministrazione e quindi concepibile che faccia di tutto per evitare di allarmare i cittadini, ma Le ricordo ancora una volta che il Capo della Polizia ha ribadito che la situazione in Italia, in merito alla sicurezza è molto più che allarmante, e Trieste fino a prova contraria si trova in Italia.

Io non voglio creare allarmismo, ma bisogna dire le cose come stanno e non posso "sparare " statistiche positive solo per tranquillizzare la cittadinanza. Di una cosa sono certo, fino a che tutti gli operatori delle forze dell'ordine lavoreranno con passione, nonostante le grosse problematiche del nostro comparto, riusciranno sicuramente a regalare la serenità alle persone, ma tutto ha un limite e il cittadino se ne sta accorgendo.

Cudicio Maurizio
Vice Segretario Nazionale Sindacato di Polizia A.D.P.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza a Trieste «sempre più a Rischio», Parola di Poliziotto

TriestePrima è in caricamento