menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
guardia armata

guardia armata

Sicurezza edifici regionali: 21 milioni spesi in 3 anni

Il Tar ha rigettato il ricorso presentato contro la Regione. Per la prima volta rientrano nella convenzione tutti gli edifici come i comuni e la protezione civile ed enti pubblici

Il Tar del Friuli Venezia Giulia ha rigettato il ricorso presentato da Italpol Group S.p.A. (in proprio e quale mandataria capogruppo del costituendo R.T.I. con le società Ivri Servizi Fiduciari S.r.l., Securitas Metronotte S. Giorgio S.r.l., Vedetta 2 Mondialpol S.p.A.) contro la regione per l’aggiudicazione della gara di appalto per i servizi integrati di vigilanza armata e di portierato dedicato  alle amministrazioni della Regione e agli enti locali.

La sentenza del Tar, pubblicata il 22 aprile 2017, sblocca quindi l’assegnazione del servizio che in sede di gara era stato vinto a fine ottobre dalla A.T.I. (associazione temporanea d’impresa) formata da Corpo Vigili Notturni Srl, Sicuritalia S.p.A., G.S.A. – Gruppo Servizi Associati Spa, Snab Sicurezza Srl, e Sorveglianza Diurna e Notturna soc. coop. a r.l..
Si tratta della più importante gara regionale dedicata alla sicurezza. L’appalto, della durata di  36 mesi rinnovabili per altri 12,  porta con sé due importanti novità: da un lato integra per la prima volta i servizi di vigilanza armata e quelli di portierato (vigilanza passiva non armata) e, dall’altro, riguarda non solo gli edifici propriamente regionali, ma tutti gli enti pubblici che fanno capo alla regione Friuli Venezia Giulia. Ciò significa che pro loco, comuni, protezione civile ed enti pubblici di varia natura potranno avvalersi della convenzione firmata dalla regione semplificando così procedure ed ottimizzando i costi di gestione della sicurezza.

Si parla di numeri di personale e di ore notevoli se si pensa che nel 2016, solo con i siti regionali delle 4 province, sono state erogate 111.000 ore di sorveglianza per circa 55 addetti: 72mila a Trieste, 26mila a Udine, 7mila a Pordenone e 6mila a Gorizia.
Per quanto riguarda il valore economico, a partire da una base d’asta complessiva di 25 milioni di euro in 3 anni (18 per il lotto Trieste e Gorizia, 7 per il lotto Udine e Pordenone), i valori  teorici  di aggiudicazione sono di 15.000.000 di euro per Trieste e Gorizia, 6.100.000 per Udine e Pordenone per un totale di euro 21.100.000 in 3 anni.

La gara che si basava sull’offerta economica più vantaggiosa, dava un punteggio all’offerta tecnica e a quella economica. La Ati di Corpo Vigili Notturni si era aggiudicata la gara con un notevole distacco sulla parte tecnica con un punteggio di 53,38 contro i 35,82 della ricorrente per arrivare a un punteggio totale di gara di 85,775 per la prima contro i 73,615 punti della seconda. 

«Siamo molto soddisfatti dell’esito pubblicato dal Tar regionale e ringrazio lo studio Legale Ponti di Udine nella persona dell’avvocato Luca De Pauli che ci ha seguito; – commenta Daniele Zorzi, amministratore unico di Corpo Vigili Notturni – speriamo che si sblocchi velocemente l’iter per la firma del contratto e per l’inizio del servizio.  Negli ultimi mesi, a fronte dell’aggiudicazione della gara nell’ottobre scorso, abbiamo assunto 10 persone in modo che fossero debitamente formate e preparate per quello che doveva essere l’inizio dell’incarico previsto per l’1 aprile 2017. Il ricorso ha ovviamente allungato i tempi e di conseguenza i costi di personale che abbiamo dovuto sostenere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento