Cronaca

Slovenia, obbligo di test negativo per i transfrontalieri

Da domani l'ingresso in Slovenia per i pendolari trasfrontalieri sarà consentito solo con obbligo di presentazione di un test PCR o rapido antigenico non più vecchio di sette giorni.

A partire da domani i lavoratori transfrontalieri e gli studenti provenienti da oltre confine, per entrare in Slovenia, dovranno esibire un test PCR negativo o un test rapido antigenico per non incorrere nella quarantena obbligatoria. Lo riporta TeleCapodistria. Le stesse misure varranno anche per tutti coloro che dovranno fornire assistenza a familiari o anziani; ricongiungersi con figli o genitori; essere sottoposti a cure sanitarie o fare lavori di manutenzione in proprietà all’estero anche se sconfineranno solo per 12 ore. Ci saranno però alcune eccezioni: oltre agli autotrasportatori, autisti e passeggeri in transito e alcune categorie appartenenti a settori strategici, potranno sconfinare per un massimo di otto ore senza test solo i proprietari di terreni agricoli che si trovano vicino alla linea di frontiera. Il test da presentare, che sia PCR o test rapido antigenico, dovrà essere eseguito in uno Stato membro dell'Unione Europea o in uno dell'area Schengen o presso operatori certificati in paesi terzi, e non dovrà essere più vecchio di sette giorni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Slovenia, obbligo di test negativo per i transfrontalieri

TriestePrima è in caricamento