La Slovenia torna in lockdown: nuove limitazioni ai confini

Non sarà più possibile varcare la frontiera per chi è in possesso di un immobile, un'imbarcazione o un terreno agricolo, e non si potrà più rientrare se sprovvisti di un test negativo al Coronavirus

La Slovenia torna al lockdown di primavera: come riporta Tv Capodistria si arresterà il trasporto pubblico, la didattica scolastica sarà solo a distanza e rimarranno aperti solo i negozi di alimentari e le farmacie. Potranno lavorare i tassisti, i gommisti e gli spazzacamini. Già da domani le limitazioni riguarderanno anche i rapporti sociali, che saranno limitati solo al nucleo familiare: disposizioni che rimarranno in vigore per due settimane. Cambiano anche le condizioni per attraversare i confini: non sarà più possibile varcare la frontiera per chi è in possesso di un immobile, un'imbarcazione o un terreno agricolo, e non si potrà più rientrare se sprovvisti di un test negativo al Coronavirus. Per gli Sloveni, inoltre, non sarà più possibie fare visite agli sloveni in Bosnia e in Serbia. Una nota positiva: il ministro Gantar ha annunciato che entro la prima metà di dicembre potrebbero essere disponibili le prime dosi di vaccino: già la prossima settimana il Governo avrà un incontro coi rappresentanti della Pfizer.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

  • La Regione valuta la stretta: nel mirino il caffè fuori dai bar e le cene tra amici

Torna su
TriestePrima è in caricamento