rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
La tragedia / Altura - Cattinara - Campanelle / Via del Montasio

Soccorsi in ritardo, muore in casa a un chilometro dall'ospedale

La segnalazione del consigliere regionale Walter Zalukar: "La prima chiamata, registrata dai tabulati, è alle 12:04, la seconda alle 12:17. Secondo il marito della donna i soccorsi sarebbero arrivati diversi minuti dopo, forse intorno alle 12:30". I fatti risalgono all'otto agosto, il marito avrebbe sporto denuncia ai Carabinieri il 16 dicembre

Una signora di 75 anni muore in casa, a un chilometro dall'ospedale di Cattinara e, stando a quanto raccontato dal consigliere regionale Walter Zalukar, il decesso sarebbe arrivato "dopo una lunga attesa dei soccorsi". Il tutto è accaduto l’8 agosto 2022 in via Montasio e il marito avrebbe sporto denuncia ai Carabinieri lo scorso dicembre. La nota del consigliere riporta quanto raccontato dal marito della donna (D.P. le iniziali): "poco dopo mezzogiorno la moglie, 75 anni, invalida che si muove su una sedia a rotelle, ha cominciato a tremare vistosamente diventando pallida, per cui ha chiamato il 112 (erano le 12.04, come registrato sui tabulati telefonici). Dopo aver parlato con l’operatore del Nue 112 è stato messo in attesa per mezzo minuto prima di poter parlare con l’infermiere della Sores a cui ha dovuto, queste le parole del sig. D.P., rispiegare tutto quanto perdendo altro tempo prezioso. Veniva rassicurato che avrebbero mandato subito l’ambulanza. Ma passano i minuti e non arriva nessuno".

L'uomo avrebbe poi fatto un'altra telefonata alle 12.17, 13 minuti dalla prima. "Chiede aiuto, dice che la moglie sta morendo, di nuovo l’attesa per poter parlare con l’infermiere", spiega ancora il consigliere regionale, "si sente rispondere che l’ambulanza è per strada, ma questa arriverà diversi minuti dopo, forse intorno alle 12.30, ricorda il sig. D.P.. I sanitari provano a rianimare la moglie, poi arriva l’automedica e non resta che constatare il decesso".

Secondo quanto riporta Zalukar, l'uomo avrebbe poi cercato di scoprire la verità su quando effettivamente sia partita l'ambulanza, poiché "sulla scheda d’intervento dell’ambulanza la casella dell’ora di partenza è lasciata in bianco - specifica la nota del consigliere regionale -. Non resta che chiedere i tabulati dell’intervento al Nue 112 e alla Sores. Il Nue fornisce subito i tabulati, la Sores, pur sollecitata, non risponde. Ma il Sig. D.P. non si rassegna, vuole sapere la verità. E così il 16 dicembre va alla caserma dei Carabinieri di San Dorligo della Valle e sporge denuncia". Il consigliere di gruppo misto è ora intenzionato a portare un'interrogazione alla Giunta regionale in merito al caso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soccorsi in ritardo, muore in casa a un chilometro dall'ospedale

TriestePrima è in caricamento