"Socialità Anziani": eventi ed iniziative a sostegno dell'invecchiamento attivo

Spettacoli, gite e 'uscite' in giro per la città dedicati ad anziani non autosufficienti o soli. Grilli: "L'obiettivo è quello di “portarli in città” e farli partecipare il più possibile alle iniziative più ampie, tipiche del periodo, che coinvolgono la cittadinanza nella sua generalità”

Con un ampio e variegato “cartellone” di eventi e iniziative di animazione dedicate particolarmente alle persone più “in età”, torna il programma di ”Socialità Anziani”.

​Un programma di manifestazioni e occasioni di incontro che risulta tanto più significativo appunto in occasione delle Festività natalizie, quando è importante far sì che le persone anziane si sentano coinvolte a pieno titolo nelle attività cittadine tipiche di questo periodo e possano godere l’atmosfera natalizia in compagnia, prevenendo il rischio di isolamento e le tristezze della solitudine.

​Il rilievo fondamentale – e assolutamente “basilare” per la “ragione sociale” stessa del Servizio sociale comunale – di queste iniziative, rivolte a conseguire la massima coesione tra le più varie situazioni e componenti della popolazione cittadina, avvicinando per quanto possibile classi sociali di diverso livello, diverse età e condizioni sanitarie, diversi “gradi” di 'protezione' e inserimento familiare e sociale o, viceversa, di 'fragilità', è stato sottolineato in apertura di conferenza dall'Assessore alle Politiche Sociali Carlo Grilli, affiancato dal responsabile dei servizi per la non autosufficienza della UOT 1 Stefano Ferroli e da numerosi rappresentanti delle associazioni e realtà del settore coinvolte nell'”impresa”.

Un'iniziativa contro la solitudine

​“Siamo in tanti”, ha osservato in proposito l'Assessore Grilli rivolgendosi ai presenti e ricordando l'ampio e qualificato parterre di aderenti al Protocollo di Socialità: oltre all'ASUITS, la CRI, la Pro Senectute, l'ITIS, le ACLI con i Circoli “Fanin” e “San Luigi” e con ACLI C.T.A., l'ACAAR “Marenzi”, Habitat Microaree, il Consorzio Interland, la Comunità di Sant'Egidio, la U.I.S.P., “Benessere” ASDC, l'Associazione Lunga Vita Attiva, “Progetto Amalia”-Televita, la Camera di Commercio, l'Associazione de Banfield e Casa Viola, il GAU-Gruppo Azione Umanitaria e ancora altre realtà associative del territorio e alcuni volontari del servizio civile.

​ E rimarcando poi come “Uno degli obiettivi principali che l’Amministrazione persegue, a maggior ragione considerando la peculiare composizione demografica del territorio triestino, è il sostegno all’”invecchiamento attivo” attraverso azioni di prevenzione nei confronti della non autosufficienza, della solitudine e dell'isolamento, con riguardo in primo luogo agli anziani più fragili e meno “protetti” da una rete familiare o amicale”.

​Spiegando ancora come “il modo migliore di affrontare e combattere la solitudine non è quello di inventarsi delle attività specificamente dedicate o addirittura “riservate” ai soli anziani, ma viceversa, in un ribaltamento della prospettiva, quello di “portarli in città” e farli partecipare il più possibile alle iniziative più ampie, tipiche del periodo, che coinvolgono la cittadinanza nella sua generalità”.

"Ogni anno coinvolti migliaia di anziani e familiari"

​“Dal pranzo natalizio “aperto” in locali cittadini alla partecipazione a spettacoli teatrali, alle gite e 'uscite' in giro per la città, queste – ha ribadito Grilli - sono le iniziative migliori per 'riempire' queste speciali giornate, vere e proprie 'pillole di salute' per ogni anziano che desidera poterle vivere, e che per esse è felice di prepararsi nel miglior modo”.

​In proposito l'Assessore Grilli ha colto l'occasione per esprimere “soddisfazione e riconoscenza a tutti i soggetti operanti, anche per il lavoro sinergico portato avanti nel corso di tutto il 2018, fra cui 6 soggiorni estivi, 20 feste, 50 gite, l'accompagnamento a decine di spettacoli teatrali, la promozione dell'attività motoria, per una spesa complessiva di circa 53.000 Euro”; ricordando infine come nelle analoghe iniziative natalizie di un anno fa siano stati coinvolti ben 3.000 anziani più i loro familiari.

Il calendario

​Per quanto concerne il calendario di quest'anno esso va dai più tradizionali momenti legati alle Festività, come concerti e canti natalizi, feste, scambio degli auguri, visite a mercatini natalizi, i classici pranzi di Natale (organizzati da Associazione GAU, Pro Senectute, Acaar Marenzi), alla consegna di doni natalizi a domicilio degli anziani in carico ai servizi non in grado di uscire di casa (a cura dell'Associazione Croce Rossa Trieste, nuovo e più recente firmatario del Protocollo), fino agli spettacoli teatrali e musicali ai teatri Rossetti, Verdi (che mette a disposizione gratuitamente 2 palchi centrali per le prove generali delle opere), La Contrada, l'Armonia, La Barcaccia, e con quest'anno anche con al Teatro “Miela”; inoltre è prevista la realizzazione, venerdì 7 dicembre, di un evento musicale al Magazzino 26 con l'esibizione degli alunni e di alcuni professori di scuole elementari e medie cittadine.

L'iniziativa è stata organizzata dai Servizi Sociali del Comune di Trieste, in collaborazione con l'Azienda Sanitaria (ASUITS) e con i molti soggetti della vasta e sempre più efficiente rete del terzo settore che contraddistingue Trieste, coordinata attraverso l'apposito Protocollo promosso dal Comune

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Errore tecnico dell’Inps nel calcolo delle pensioni di dicembre e gennaio: ecco cosa fare

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • Triestina-Sambenedettese 1 a 2 | Le pagelle: fischi al Rocco, Unione sconfitta in 11 contro 9

Torna su
TriestePrima è in caricamento