Porto, Imu non pagata per oltre 1,3 milioni: scatta la sanzione per trenta società

Dai numerosi interventi è emerso che i trenta i soggetti sottoposti a ispezione non avevano denunciato la variazione catastale degli immobili in cui svolgevano la propria attività di impresa, violando la normativa nazionale già in vigore dal 2006

Il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Trieste, nell’ambito dell’attività propria di Polizia economica – finanziaria, nell’annualità appena trascorsa, ha effettuato numerosi interventi finalizzati alla verifica del regolare pagamento dell’IMU sugli immobili portuali e il corretto utilizzo delle aree demaniali in concessione alle società che operano nel Porto giuliano.

I Finanzieri hanno controllato circa trenta imprese commerciali e industriali e scoperto una radicata fenomenologia evasiva particolarmente diffusa tra i concessionari terminalisti del Porto di Trieste, constatando la mancata corresponsione dell’IMU per un importo stimato di oltre un milione e trecentomila euro riferita all’ultimo quinquennio e violazioni amministrative pari a circa sessantamila euro riferite all’ultimo biennio. Dai numerosi interventi eseguiti è emerso che tutti i soggetti sottoposti a ispezione, in violazione della normativa nazionale già in vigore dal 2006, hanno omesso di denunciare la variazione catastale degli immobili in cui svolgono la propria attività di impresa, mantenendo il censimento dei beni in concessione in categoria “E/1”, esente dal pagamento IMU. La legge nazionale in materia dispone invece che le aree demaniali non destinate al traffico marittimo o ad operazioni strettamente necessarie alle attività portuali, impiegate per svolgere in forma concorrenziale attività commerciali che producono reddito, devono necessariamente essere accatastate in altra categoria diversa dal gruppo “E” e assoggettate al pagamento dell’IMU a seconda della rendita catastale e della superficie occupata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’attività è stata da esempio per molti concessionari demaniali virtuosi che hanno deciso di aggiornare autonomamente la propria posizione con apposita Dichiarazione IMU, effettuando spontaneamente la richiesta di accatastamento in altra categoria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • Dall'altra parte del confine, parlano i titolari delle gostilne slovene: "Situazione disastrosa"

Torna su
TriestePrima è in caricamento