menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operaio ucciso dall'amianto: 645 mila euro ai familiari

Autorità portuale condannata

L'Autorità portuale di Trieste dovrà pagare 645 mila euro alla famiglia di una vittima di amianto, Gino Grube, morto per mesotelioma. Secondo il Giudice del Lavoro del Tribunale di Trieste l'uomo si sarebbe ammalato perché sarebbe venuto a contatto con l’amianto mentre lavorava per la Compagnia portuale Terra, una cooperativa che forniva allo scalo manodopera in appalto.

Questa sentenza, secondo la quale si accerta la responabilità dell'Ente porto per malattia professionale e morte di un socio lavoratore di una compagnia, è la prima nel capoluogo giuliano e molto probabilmente non sarà l'ultima, anzi. Il caso infatti potrebbe estendersi ad altre cento vittime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Tradizioni del Carso: perché andar per osmize

social

Cucina tipica: la ricetta della minestra de bisi spacai

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Da lunedì tutto il Friuli Venezia Giulia torna in zona arancione

  • Cronaca

    Party illegale in viale XX Settembre, sanzionati 16 giovani

  • Cronaca

    Abbandona rifiuti edili a Campanelle: 600 euro di multa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento