Sopralluogo alla "Stock", a settembre prevista la fine dei lavori

In corso un vero e proprio completo rifacimento dei servizi igienici e degli spogliatoi. Fine dei lavori a settembre. Stamane il sopralluogo degli assessori Lodi e Brandi

Gli Assessori comunali ai Lavori Pubblici Elisa Lodi e all'Educazione Angela Brandi hanno effettuato questa mattina un sopralluogo alla scuola media “Stock” di via Carli 1, nel complesso scolastico di Campi Elisi, per verificare il proseguimento delle opere in corso per la manutenzione straordinaria dei servizi igienici e degli spogliatoi della palestra.

2019_30254stampa-2

I lavori

Una “manutenzione straordinaria” che, in realtà, è un vero e proprio completo rifacimento di questi servizi, ma anche delle relative condotte di adduzione dell'acqua e della rete di scarico, i cui ripetuti spandimenti avevano provocato, oltre a evidenti perdite, il determinarsi di un ambiente complessivamente malsano, con umidità, muffe e un grave stato di degrado delle stesse pareti dei locali interessati (come detto, spogliatoi, docce e servizi igienici) e dei corridoi attigui.

"Con l'occasione - ha spiegato il tecnico del Comune e direttore dei lavori ingegner Diego Fabris, presente anche il responsabile della ditta esecutrice, la Riadattare S.r.l. di Trieste – sarà anche totalmente ristrutturata la sezione docce, suddividendola in due ambiti distinti (utilizzabili per maschi e femmine, o per società sportive diverse), e saranno pure rifatti i rivestimenti e i pavimenti di detti locali, anche con l'uso di apposite piastrelle, nonché alcuni impianti di riscaldamento. Con fine dei lavori prevista per settembre". A  questo proposito, gli Assessori Brandi e Lodi hanno entrambe sottolineato la volontà di concentrare e concludere più opere possibili in questo settore durante la stagione estiva e prima dell'inizio del nuovo anno scolastico, tenendo comunque conto del fatto che molte imprese vanno in ferie e dei fenomeni atmosferici estremi, che possono causare danni anche gravi e urgenti, modificando la “scaletta” iniziale delle priorità d'intervento.

2019_30253stampa-2

Patrimonio scolastico triestino

Si deve anche tener conto in proposito – hanno ancora rimarcato la Brandi e la Lodi – come il patrimonio scolastico triestino in capo al Comune, e con molte nostre “specificità”, che gli altri Comuni italiani non hanno, dalle scuole dell'infanzia ai Ricreatori, ammonta nel suo complesso a ben 168 edifici, parecchi dei quali vetusti e necessitanti di interventi manutentivi ancor più vasti; interventi che suddividiamo in lotti, anche a seconda, appunto, dei diversi gradi di urgenza, e con un occhio di riguardo a un costante adeguamento alle norme di sicurezza, peraltro in continua evoluzione.”

Un rilevante insieme di interventi – hanno concluso – per i quali il Comune di Trieste ha inserito nel proprio Bilancio di previsione, alla voce “edilizia scolastica”, la notevole cifra di 40 milioni di Euro, in parte derivanti da contributi statali e regionali. Gli attuali lavori alla “Stock” comporteranno invece un costo previsto di 60 mila Euro circa e serviranno per una prossima e miglior fruizione dell'annessa palestra, al servizio non solo degli studenti ma anche dei soci dell'Associazione Polisportiva “Tergestina”. Contestualmente – ha aggiunto l'Assessore Lodi – anche l'imminente avvio della progettazione per i nuovi spogliatoi e bagni della vicina scuola elementare “Morpurgo”, dove sono già stati rifatti la palestra e l'impianto di illuminazione, faranno sì che l'Istituto comprensivo di Campi Elisi possa presto presentarsi, nel suo insieme, con un volto davvero nuovo e molto più funzionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento