Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Sospetta morte per morbillo, AsuiTs: "Non aveva i sintomi tipici"

Già effettuata profilassi e misure precauzionali sul personale dei reparti interessati. Predisposti controlli per tutti gli altri, su quasi 1300 dipendenti il 10% non ha sviluppato anticorpi. Nessun ulteriore contagio oltre ai 6 accertati a metà ottobre

In merito al ragazzo 23enne malato di leucemia e contagiato dal morbillo, morto a Cattinara domenica 6, la Direzione Aziendale dell’Azienda Integrata Universitaria di Trieste tiene a fornire alcune precisazioni: "Il paziente è stato ricoverato alla fine del mese di agosto. Durante gli accertamenti effettuati è risultato che, della vaccinazione contro il morbillo, era stata eseguita una sola dose vaccinale. I tipici sintomi del morbillo non risultavano essere presenti durante il ricovero. A seguito del peggioramento delle condizioni respiratorie, si è giunti al ricovero presso la Terapia Intensiva Cardiochirurgica e, nel pomeriggio di domenica, dopo ulteriore aggravamento, il paziente è deceduto".

Focolaio Morbillo: primo caso mortale e altri due operatori contagiati

Nella nota diramata agli organi di stampa, l'azienda sanitaria precisa che "I casi di morbillo accertati presso ASUITS sono stati 6 di cui 3 degenti e 3 operatori. La Direzione Aziendale, insieme alla Direzione Medica di Presidio, la S.C. Malattie Infettive e la SC. Igiene e Sanità Pubblica, ha immediatamente provveduto a porre in opera tutte le misure atte a contenere la possibile diffusione della malattia. Inoltre, è stata immediatamente costituita una task force con tutti gli esperti del tema, per contenere il fenomeno, programmare le azioni di profilassi necessarie, e per fornire comunicazione degli aggiornamenti; l’équipe si è incontrata quotidianamente e continuerà a riunirsi a cadenza periodica fino al termine del periodo di sorveglianza sanitaria".

Per quanto riguarda l'ambito ospedialiero, rivela Asuits: "Tutto il personale afferente ai reparti coinvolti (800 operatori appartenenti a vari profili professionali e presenti nei reparti che hanno avuto in cura i pazienti), è stato sottoposto ai controlli dello stato immunitario nei confronti del morbillo. Gli operatori risultati negativi al test (40) sono stati sottoposti a vaccinazione antimorbillo. I circa 20 operatori in cui si è riscontrata solo la presenza della prima dose di vaccino, sono stati allontanati precauzionalmente dal servizio, come da indicazioni del Ministero della Salute, mentre gli operatori che hanno completato il percorso vaccinale hanno continuato a lavorare".

"A tutti gli operatori - conclude il comunicato - sono state rammentate le indicazioni da mettere in atto nei confronti di casi sospetti o accertati di morbillo; identiche informazioni sono state fornite a tutti i parenti e familiari dei pazienti. Inoltre, da quest’anno, in occasione delle visite periodiche di sorveglianza sanitaria sui dipendenti, vengono effettuati, sul personale sanitario, i controlli relativi alla presenza degli anticorpi contro morbillo parotite rosolia e varicella; al momento, in questo ambito, risultano già controllati 1292 dipendenti su 3204; di questi, il 10% è risultato negativo ed è stata loro suggerita l’opportunità di effettuare le vaccinazioni. Ad oggi non risultano altri nuovi casi di morbillo tra gli operatori, né tra i degenti. La Direzione Aziendale coglie l’occasione per esprimere la propria vicinanza ai familiari del giovane recentemente scomparso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospetta morte per morbillo, AsuiTs: "Non aveva i sintomi tipici"

TriestePrima è in caricamento