rotate-mobile
L'attività della polizia locale

Sostanza tossica nel profumo: denunce in tre negozi cinesi

Lo rileva il report del nucleo di polizia commerciale della polizia locale di Trieste relativo ai primi tre mesi del 2024. Sequestrati, in altri negozi, anche 122 alimentari scaduti o senza etichettatura. In tutto, nel trimestre, un centinaio di sanzioni

TRIESTE - Tre denunce per altrettanti negozi che vendevano profumi contenenti una sostanza tossica, con tre sequestri penali per un totale di 76 confezioni in tutto. Lo rileva il report del nucleo di polizia commerciale della polizia locale di Trieste relativo ai primi tre mesi del 2024. I tre esercizi commericiali si trovano nel borgo Teresiano e sono tutti gestiti da cittadini di origine cinese o riconducibili a società della medesima provenienza. 

Oltre a questo, l'attività del nucleo di polizia commerciale a portato a 71 sanzioni per occupazione abusiva di suolo pubblico ad altrettanti locali pubblici ed esercizi commerciali, sia in centro che in periferia, e 22 sequestri amministrativi con relative sanzioni per prodotti in vendita ma non in regola con le norme europee o nazionali. In tutto oltre 500 prodotti sequestrati, tra cui 122 alimentari scaduti o senza etichettatura, 227 giocattoli per bambini senza marchiatura, 115 prodotti tessili senza indicazioni conformi alle norme Ue circa la composizione della fibra, 82 prodotti senza indicazioni in italiano e 20 paia di scarpe non in regola con le norme Ue. Due negozi di ortofrutta, inoltre, cono stati sanzionati per non aver indicato sulla merce esposta la provenienza e l'origine dei prodotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostanza tossica nel profumo: denunce in tre negozi cinesi

TriestePrima è in caricamento