Covo di spaccio a Duino, sequestrati 4 chili di hashish

L'operazione partita a novembre dell'anno scorso ha permesso di mettere sotto sequestro 10,465 chili di marijuana, 24,906 chili di hashish, 700 grammi di cocaina e 141 grammi di eroina, per un valore stimato di circa 400mila euro

Con la scoperta degli ultimi due nascondigli sale a oltre 36 chili complessivi il bilancio definitivo dei sequestri di droga dell'operazione Arachosia, che ha avuto il suo momento decisivo lo scorso mese di novembre.

Il gruppo

Gli uomini del comando provinciale della Guardia di finanza, comandati dal colonnello Davide Cardia, hanno messo così definitivamente in ginocchio un gruppo composto da cittadini afghani e pakistani - comandati dal leader "America" e attivi in particolare nella zona della stazione di Udine - che nascondevano lo stupefacente in diversi nascondigli. Ne mancavano all'appello ancora due, individuati nei giorni scorsi dalle Fiamme gialle, dirette dal pm Giorgio Milillo della Procura della Repubblica di Udine. 

Arachosia (1)-2

Il primo sequestro 

Il secondo sequestro

Gli ultimi covi

Il più ricco dei nascondigli è stato scovato il 25 febbraio a Duino-Aurisina, in provincia di Trieste. All'interno c'erano quattro chili di hashish. Il secondo si trovava a Magnano in Riviera, come i primi che erano stati scoperti, e custodiva due etti di marijuana.

Il dettaglio

L'operazione ha permesso di mettere sotto sequestro 10,465 chili di marijuana, 24,906 chili di hashish, 700 grammi di cocaina e 141 grammi di eroina, per un valore stimato di circa 400mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Schianto tra moto e scooter in via Fabio Severo: tre feriti a Cattinara

Torna su
TriestePrima è in caricamento