Cade un'altra "cellula" del giro di droga Pironti-Terpin: in manette 50enne

La Polizia Locale e la Squadra Mobile di Trieste hanno messo a segno un altro importante colpo ai danni del flusso di droga gestito dall'avvocato di Barcola e il 39enne di Duino. Beccato a San Giovanni con quasi mezzo chilo di marijuana

L'indagine sul giro di spaccio gestito dal duo Pironti-Terpin mette a segno un altro importante colpo e decapita una delle svariate ramificazioni che alimentavano il flusso di droga in città. E' di ieri 10 settembre la notizia dell'arresto da parte del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale di Trieste e dell'antidroga della Squadra Mobile di un 50enne triestino (G.P. le iniziali fornite alla stampa ndr) beccato nel suo appartamento di San Giovanni con oltre 300 grammi di marijuana e 6800 euro in contanti, cifra ritenuta proveniente dall'attività illecita. 

Le indagini della Procura della Repubblica giuliana hanno evidenziato il collegamento tra il 50enne (che non aveva precedenti per spaccio di droga ndr), l'avvocato di Barcola e il 39enne di Duino tanto da portare all'emissione di un decreto di perquisizione da parte della magistratura e al ritrovamento di una ingente dose di stupefacente.  La droga era stata occultata in varie parti dell'abitazione e, come si legge nella nota, "in parte già suddivisa in bustine a chiusura ermetica e destinate con molta probabilità a consumatori triestini". 

L’uomo è stato quindi accompagnato alla Caserma San Sebastiano di via Revoltella e, dopo gli adempimenti di rito e su disposizione del pubblico ministero, veniva posto agli arresti domiciliari. Dovrà rispondere del reato di spaccio e detenzione ai fini di spaccio e sostanze stupefacenti. Pochi giorni fa era stata sempre la Polizia Locale ad arrestare un 53enne, sempre nel rione di San Giovanni e con addosso altra droga. Se in quel caso la posizione dello spacciatore è da ricondursi ad una situazione vicina a percorsi riabilitativi e di dipendenza da sostanze stupefacenti, la posizione dell'uomo arrestato ieri si potrebbe definire quasi insospettabile. L'inchiesta sul giro di spaccio triestino si allarga. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Vietati spostamenti tra regioni, ecco il nuovo Dpcm: cosa cambia

  • Il Friuli Venezia Giulia torna in zona gialla

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

Torna su
TriestePrima è in caricamento