Cronaca

Spacciava droga agli adolescenti: passa dal carcere all'obbligo di firma, ma torna a delinquere

Il 19enne triestino, uno degli arrestati nell'ambito dell'operazione Power 2016, era sotto controllo della Polizia locale

Il suo arresto, in agosto, era stato un tassello importante nell’operazione Power 2016, condotta dagli investigatori del Nucleo di polizia giudiziaria della Polizia locale e conclusasi circa un mese fa: parliamo del triestino M.A., il giovane pusher, molto attivo nonostante i suoi 19 anni, con molti adolescenti tra i suoi clienti.

Il ragazzo, dopo il suo arresto, era stato condotto nel carcere di via Coroneo ma poco tempo dopo, il Giudice aveva deciso di commutare la misura restrittiva in detenzione domiciliare e, in un momento successivo ancora, nel solo l’obbligo di presentarsi al Nucleo di polizia giudiziaria ogni giorno: «Un atto di fiducia e un’opportunità di recupero», spiega la Polizia locale.

Ovviamente il credito accordato non si basava semplicemente sulla parola del giovane: gli investigatori di polizia giudiziaria hanno continuato a sorvegliarlo raccogliendo invece prove inconfutabili del suo rientro nel giro dello spaccio locale: dagli spostamenti in Slovenia per rifornirsi di eroina, al progressivo riaggancio dei contatti troncati lo scorso agosto, al momento dell’arresto. Alla fine di ottobre era stato fermato proprio dagli agenti della Polizia locale, insieme ad un suo vecchio cliente: i due erano stati trovati con addosso un certo quantitativo di eroina (destinata alla piazza triestina) appena acquistata in Slovenia dal loro pusher abituale. 

La condotta di M.A. ha perciò indotto il Giudice per le indagini preliminari ad emettere una nuova ordinanza per il suo ritorno alla detenzione domiciliare, questa volta molto più restrittiva della precedente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciava droga agli adolescenti: passa dal carcere all'obbligo di firma, ma torna a delinquere

TriestePrima è in caricamento