menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
operazione "Molo Audace"

operazione "Molo Audace"

Spaccio di hashish ai minori nei parchi: arrestati tre stranieri

Operazione "Donota" della Squadra Mobile della Polizia che fa seguito a quella "Molo Audace" e "via Geppa" che aveva portato all'arresto rispettivamente di 11 e 6 afghani

Nei giorni scorsi, nell’ambito dell’attività volta a contrastare il micro spaccio, la Polizia di Stato di Trieste ha arrestato due cittadini pakistani perché responsabili di spaccio di hashish a minori: Bilal Hazrat, nato in Pakistan l’01-01-1989, e Fayaz Ali, nato in Pakistan il 07-03-1989. Gli arresti, effettuati nell’ambito dell’operazione “Donota”, hanno consentito nel corso di queste ultime settimane di effettuare un’incisiva azione deterrente e repressiva ai fini di poter arginare il fenomeno.

Nel corso dell'attività la Squadra Mobile alcuni giorni fa aveva arrestato il cittadino straniero Ibrahim Afridi, nato anche lui in Pakistan il 02-03-1998, in quanto trovato in possesso di 500 grammi di hashish confezionato in cinque panetti occultati nello zainetto. lo stupefacente era stato acquistato in un'altra città del nord Italia e portato dall’Afridi nel capoluogo giuliano per poi fornire gli spacciatori attivi sul “mercato” triestino.

L’operazione “Donota” fa seguito e ne costituisce il proseguo di  quelle denominate “Molo Audace” e “via Geppa” che -  come si ricorderà - avevano consentito rispettivamente l’arresto di undici e sei cittadini afgani, tutti richiedenti protezione internazionale, con l’accusa di spaccio di sostanza stupefacente. Anche in questo caso, come nelle precedenti operazioni, i tre arrestati erano diventati un punto di riferimento per i consumatori locali soprattutto giovanissimi.

Durante le indagini sono state accertate numerosissime cessioni di droga anche a danno di minorenni, nelle zone centrali di Trieste e nei parchi e aree gioco di bambini di San Giusto, Montuzza e via Donota, dove gli spacciatori, abbandonati i precedenti luoghi di smercio di cui le operazioni di polizia prendevano il nome, si erano spostati. Da sottolineare che in questo caso, a differenza delle altre operazioni, gli arrestati non sono richiedenti asilo perchè usciti fuori dal sitema di accoglienza e quindi risultavano persone senza fissa dimora

L'operazione, oltre all'arresto dei tre pakistani, ha portato al sequestro di numerosissime dosi di droga già confezionante e pronte per la vendita. L’attività di indagine in merito alla commissione di questo tipo di reati da parte della Squadra Mobile coordinata dalla locale autorità giudiziaria continua al fine di individuare nuovi luoghi di smercio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento