rotate-mobile
L'arresto

Spaccio nel parco e hashish sul bus: la Polizia pizzica due pusher

Nei guai un 29enne di origine rumena e un 48enne domiciliato in Monfalcone in quanto dipendente di una ditta che opera all’interno dello stabilimento Fincantieri

Nell'ambito dei servizi di controllo territorio effettuati a Monfalcone, la Polizia di Stato ha tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti un 29enne di origine rumena.

Nella giornata del 18 luglio scorso, nel parco pubblico tra via Pacinotti e Canale dei Dottori le forze dell'ordine hanno controllato due giovani, entrambi di nazionalità rumena, intenti a consumare uno spinello. Da un controllo più approfondito E.G.C. di anni 25 è stato trovato in possesso di 5 grammi di marijuana mentre sull’altra persona, U.A.M. di anni 29, è stato rinvenuto un astuccio contenete 70 grammi lordi di hashish ed un bilancino elettronico atto alla pesatura; la sostanza era già stata divisa e confezionata in dosi pronta allo spaccio.

La Polizia ha quindi effettuato una perquisizione domiciliare presso l’abitazione del 29enne dove è stata rinvenuta ulteriore sostanza stupefacente del medesimo tipo, anch’essa già confezionata e pronta alla cessione, per un peso complessivo di circa 300 grammi. L'uomo è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti mentre il 25enne è stato segnalato alla Prefettura quale “consumatore”.

Un ulteriore arresto di una persona in possesso di un considerevole quantitativo di sostanze psicotrope si è verificato in data 25 luglio, quando nei pressi della fermata degli autobus di Piazzale Salvo D’Acquisto a Monfalcone, il personale del Commissariato ha fermato V.M., di anni 48, per un controllo. L'uomo era appena giunto dalla Puglia utilizzando un bus a lunga percorrenza.

Il 48enne è stato trovato in possesso di un involucro, celato nel bagaglio, contente hashish per un peso lordo di 270 grammi, nonché un bilancino elettronico. Anche V.M., che risulta essere domiciliato in Monfalcone in quanto dipendente di una ditta che opera all’interno dello stabilimento Fincantieri, veniva tratto in arresto per il reato di detenzioni ai fini di spaccio ed associato presso la Casa circondariale di Gorizia a disposizione dell’A.G.

Il Tribunale locale, nei giorni successivi, ha convalidato gli arresti effettuati e sottoposti i soggetti individuati a misure cautelari. I due accusati di spaccio ora devono rispettare l'obbligo di firma e di dimora.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio nel parco e hashish sul bus: la Polizia pizzica due pusher

TriestePrima è in caricamento