menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Spandimento d'Acqua a Palazzo Biserini, Salvi in Extremis 350.000 Libri della Biblioteca Civica. Chiusa l'Emeroteca

Nella notte, uno spandimento all’impianto idrico (sembra in particolare l’impianto anti-incendio) causato dal maltempo di questi giorni, ha comportato notevoli danni (dai solai ai piani sottostanti) a Palazzo Biserini in piazza Hortis, sede...

Nella notte, uno spandimento all'impianto idrico (sembra in particolare l'impianto anti-incendio) causato dal maltempo di questi giorni, ha comportato notevoli danni (dai solai ai piani sottostanti) a Palazzo Biserini in piazza Hortis, sede dell'emeroteca comunale e della biblioteca civica dove ancora erano allocati tra i 300 e i 350 mila volumi del patrimonio culturale di Trieste.

Questa mattina gli assessori ai Lavori pubblici Elena Marchigiani e alla Cultura Andrea Mariani hanno fatto il punto della situazione nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala riunioni del municipio, alla quale sono intervenuti anche il direttore dell'Area Cultura Fabio Lorenzut, la direttrice delle Biblioteche civiche Bianca Cuderi e il direttore del Servizio Edilizia Carlo Nicotra.

A seguito dei danni provocati dal maltempo di questi giorni, "ieri sera -ha spiegato l'assessore Mariani- una ingente perdita d'acqua a palazzo Biserini ha portato alla chiusura dell'emeroteca di piazza Hortis e alla necessità di mettere in sicurezza i circa 300 - 350 mila volumi della biblioteca civica che sono attualmente a deposito nella struttura stessa".

"Stiamo operando in emergenza -ha puntualizzato Mariani- da una parte con la messa in sicurezza del sito e dall'altra con il ripristino del servizio di emeroteca (che dai prossimi giorni partirà con l'utilizzo della sede di palazzo Gopcevich in via Rossini 4) mentre l'archivio storico sarà consultabile della sede di via Madonna del Mare". Per quanto riguarda gli oltre 300 mila volumi depositati a Palazzo Biserini (il patrimonio complessivo si aggira sui 450 mila volumi, ma molti di questi documenti, in particolare i più importanti come gli "Statuti di Trieste", sono da tempo conservati nella sede di via Madonna del Mare) sono stati temporaneamente trasferiti e messi in sicurezza nella sede del vicino museo della Civiltà Istriana di via Torino, mentre restano da mettere in sicurezza anche i mobili dell'ex museo scientifico e dell'archivio diplomatico.

I danni causati dal maltempo ed in particolare dal gelo -ha detto l'assessore ai Lavori pubblici Elena Marchigiani- hanno messo in evidenza e fatto emergere la vetustà del patrimonio immobiliare. "In 10 anni non si è affrontato il problema e ora si sta pagando il conto di tutta una serie d'interventi fatti non in maniera sostanziale, che portano poi a costi molti più elevati. Perché quando non si fa una continua manutenzione poi tutti i nodi vengono al pettine".

Il sopralluogo dei tecnici ha evidenziato una situazione problematica che va dal tetto al piano terra. Non a caso, nell'ambito del finanziamento previsto dal progetto Pisus (il cui responso si avrà verso maggio-giugno) l'attuale amministrazione ha previsto un investimento intorno a 2,5 milioni di euro per le parti strutturali. Di questi 590 mila euro di fondi comunali andranno a favore della biblioteca e altri 460 mila euro saranno destinati ad interventi sugli impianti.

In pratica -ha ribadito l'assessore Marchigiani- abbiamo già più o meno un milione di euro a disposizione per ricalibrare gli interventi e operare con il duplice obiettivo di mantenere attivo un servizio come la biblioteca ed operare dove c'è più urgenza. "Certo è che non si può continuare a lasciare un edificio "malato" con all'interno un patrimonio inestimabile".

"Avremo un danno strategico dal punto di vista della cultura e un danno temporale di qualche periodo -ha concluso a sua volta l'assessore Mariani- ma stiamo facendo delle alchimie importanti per andare a coprire le necessità". Nei prossimi giorni -come detto- il servizio di emeroteca con la consultazione di giornali e riviste sarà attivo a palazzo Gopcevich in via Rossini 4, mentre per l'archivio storico ci si potrà rivolgere nella sede di via Madonna del Mare.

Ufficio Stampa Comune di Trieste

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento