Sparatoria in Questura a Trieste, morti due agenti: Matteo Demenego e Pierluigi Rotta

Bilancio tragico dopo l'episodio che si è verificato oggi, poco dopo le 17. A sparare è stato un dominicano che si trovava in Questura dopo essere stato fermato assieme al fratello per il furto di uno scooter in via Carducci

Foto Aiello

Due poliziotti in servizio alla Questura di Trieste - l'agente scelto Pierluigi Rotta e l'agente Matteo Demenego, di 34 e 30 anni - sono stati uccisi oggi in seguito a un conflitto a fuoco che si è sviliuppato nella sede cittadina della Polizia, in via di tor Bandena, in pieno centro. Hanno riportato ferite gravissime che non gli hanno lasciato scampo. A fare fuoco un uomo, facente parte di una coppia di fratelli fermati per il furto di uno scooter. Si tratta dei dominicani Alejandro Augusto Stephan Meran, di 29 anni, e il 32enne Carlysle Stephan Meran.

La testimonianza live di una poliziotta in un audio Whatsapp

Due feriti

Oltre ai due deceduti è rimasto ferito alla mano un altro agente, ricoverato all'ospedale di Cattinara. Ferito all'inguine anche uno dei due aggressori - Alejandro Meran -, anche lui ricoverato nella stessa struttura sanitaria.

VIDEO: le immagini shock dopo la sparatoria

Sparatoria in Questura a Trieste: chi sono i due poliziotti morti

I fatti

Nel pomeriggio il personale delle Volanti stava procedendo alla ricerca del responsabile della rapina di uno scooter, avvenuta nelle prime ore del mattino. In questo contesto erano stati accompagnati in Questura due fratelli domenicani, il 29enne Alejandro Augusto Stephan Meran e il 32enne Carlysle Stephan Meran, per gli accertamenti del caso. Una volta giunti all'interno dell'Ufficio Volanti, uno dei trattenuti, dopo aver distolto l'attenzione degli agenti, è riuscito ad impossessarsi di una pistola ed ha esploso a bruciapelo più colpi verso di loro. Entrambi i fermati hanno tentato di fuggire dal Palazzo della Questura: il più giovane è uscito dalla Questura con l'arma ed è stato atterrato con un colpo di pistola dagli agenti, mentre l'altro è stato bloccato nei sotterranei dalle Unità operative di pronte intervento.

Sparatoria davanti alla Questura, chi ha sparato

Lutto cittadino

Il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza ha proclamato il lutto cittadino per la giornata di domani. «L'Amministrazione Municipale desidera così interpretare – ha detto il Sindaco Dipiazza - il sentimento dell'intera cittadinanza, di grande cordoglio per i Caduti nel compimento del dovere e di vicinanza alle famiglie, alla Polizia e a tutti gli uomini e donne delle Forze dell'Ordine, in un così grave momento».

Poliziotti uccisi, Mattarella: "Profonda tristezza"

Attesi Gabrielli e Lamorgese

Appresa la notizia della morte dei due agenti, il capo della polizia, Franco Gabrielli, ha preso la decisione di raggiungere Trieste. Il città è attesa anche il ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese.

Polidori: "Le leggi non tutelano le forze dell'ordine"

Fedriga

Immediate le parole di cordoglio da parte del Governatore Fedriga: «Il Friuli Venezia Giulia si stringe attorno alle famiglie dei due agenti uccisi e si unisce al lutto cittadino proclamato dal sindaco di Trieste».

Pierluigi Rotta

Pierluigi.Rotta

Matteo Demenego

Matteo.Demenego

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Il virus in Croazia preoccupa Lubiana, al vaglio l'ipotesi di toglierla dalla lista dei paesi sicuri

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

  • Come scegliere o cambiare il medico di base a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento