Picchiava i migranti per farsi pagare: arrestato estorsore latitante

Parte di una banda di spietati taglieggiatori, vessava i connazionali che cercavano di sottrarsi al racket. È stato fermato al confine dai Carabinieri

Taglieggiava i connazionali che, giunti in Italia, erano ancora in attesa di trovare un posto di lavoro ed una sistemazione per ottenere i documenti in regola. E per loro erano botte e percosse per estorcere quei pochi soldi che avevano portato in Italia per iniziare una nuova vita. Poi la banda, alla quale era inserito con compito preciso di picchiare chi si voleva sottrarre al racket, era stata smantellata, e molti dei componenti erano finiti in carcere. Per alcuni di loro la prigione è durata solo qualche mese, il tempo che la custodia cautelare perdesse la sua efficacia e, grazie a questo, avevano subito riassaporato la libertà, riuscendo a far perdere le loro tracce. 

Tra questi anche il taglieggiatore di nazionalità romena,36nne, che nella nottata del 21 dicembre scorso, è stato intercettato da una pattuglia della Stazione Carabinieri di Villa Opicina che presidiava l’ex confine di Stato di Fernetti. Ai militari l’uomo è apparso da subito molto nervoso, e la conferma del suo stato d’animo la si è avuta al termine del controllo. Infatti, il romeno è risultato destinatario di un ordine di carcerazione per un residuo pena di 2 mesi e 15 giorni di reclusione. 

Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato accompagnato in carcere dai Carabinieri di Villa Opicina, ove sconterà il residuo di pena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

  • "Stop asporto dalle 18 nei bar e regioni ‘chiuse’ in zona gialla", Speranza presenta il nuovo Dpcm

Torna su
TriestePrima è in caricamento