Aggredisce dipendenti allo sportello, in manette un giovane

Il fatto di cronaca è avvenuto a Gorizia ed ha visto protagonista un cittadino di 29 anni di origine pachistana che doveva espletare alcune pratiche presso gli uffici dell'Azienda Sanitaria del capoluogo isontino. Dovrà rispondere, tra le altre, di violenza privata e interruzione di pubblico servizio

Si era recato presso l'Azienda Sanitaria a Gorizia per espletare alcune pratiche personali il cittadino di 29 anni di origine pachistana che ieri 14 maggio è stato arrestato dalla Polizia del capoluogo isontino con l'accusa di danneggiamento aggravato, violenza privata, tentate lesioni personali e interruzione del pubblico servizio. Il giovane, già noto alle forze dell'ordine, è stato portato in carcere, a disposizione della magistratura. 

Una sedia, i vetri danneggiati e la paura delle dipendenti: i fatti 

Il 29enne arriva in tarda mattinata negli uffici riservati al pubblico dell'azienda sanitaria di Gorizia in ragione di alcune pratiche personali da espletare. Non si conoscono ancora i motivi per cui, come si legge nella nota della Polizia, si innervosisce e se la prende con due dipendenti addette allo sportello della sede di via Vittorio Veneto. Il nervosismo è tanto che l'uomo decide di prendere una sedia e di scagliarla contro le vetrate, danneggiandole. 

Non pago, il 29enne fa irruzione nell'ufficio dall'altra parte del vetro sempre brandendo la sedia tra le mani. E' in quell'istante che negli uffici entra un uomo che riesce ad avvicinarsi al cittadino di origine pachistana, lo blocca  e gli impedisce di raggiungere le due dipendenti. Poco dopo, allertata dai presenti arriva una pattuglia della Squadra Volante che ferma l'aggressore e lo accompagna in Questura. 

Dopo i consueti accertamenti, il 29enne è stato portato in carcere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento