Una stampante 3D in dono al Polo Giovani Toti per trasformare le foto in modellini

Il progetto è nato dall’intenzione di far vedere in 3D il Castello di Miramare grazie alle riprese effettuate col drone da Max Morelli per Google Maps. Un’idea che è piaciuta alla direttrice del Castello di Miramare

Una stampante 3D è stata presentata e consegnata ufficialmente al per il Polo Giovani Toti. Sede di oltre 110 associazioni e realtà giovanili accreditate, il polo mette a disposizione gratuitamente una stampante 3D grazie alla generosità della Terza Circoscrizione e di alcune realtà locali particolarmente sensibili alla formazione dei giovani.

Il passaggio di consegne è stato illustrato dagli assessori comunali all’Educazione e Scuola e ai Giovani e all’Innovazione, alla presenza della presidente della Terza Circoscrizione, di Carlo Fonda, responsabile del SciFabLab-Scientific Fabrication Laboratory.generazioni al Centro di Fisica, Marco Vascotto, rappresentante dell’Associazione di Promozione Sociale SPIZ e Alessandro Dambrosi.

Il progetto Miramare 3D

L’inizio della vicenda risale al 2019 quando, a seguito del Progetto Miramare 3D – in sostanza la riproduzione del modellino del Castello di Miramare – da un’idea di Max Morelli, “pilota di droni” - la Terza Circoscrizione del Comune di Trieste (Roiano, Gretta, Barcola, Cologna, Scorcola) in collaborazione con l’Associazione di Promozione Sociale SPIZ, SciFabLab - Scientific Fabrication Laboratory, ha avuto la disponibilità della stampante che ha voluto rendere disponibile al Comune per i ragazzi della città, avendola avuta in comodato d’uso gratuito grazie al progetto.

Quindi, per perseguire ancora più diffusamente gli scopi educativi e divulgativi dell’iniziativa, la Circoscrizione ha pensato di individuare come luogo naturale per la stampante il punto di riferimento per i giovani in città: ovvero il PAG Progetto Area Giovani e il Polo Giovani Toti del Comune di Trieste, sede a san Giusto di numerose realtà giovanili dai 14 ai 35 anni.

Sinergia tra assessorati

Attraverso alcune iniziative di formazione e informazione per introdurre gli under 35 all’uso dello strumento, in programma nei prossimi mesi, il Polo Giovani Toti potrà promuovere tra i giovani l’utilizzo della stampante 3D, rendendola una preziosa risorsa e fonte creativa per lo sviluppo di nuovi loro progetti.

Una dimostrazione di sinergia tra Assessorati del Comune, Terza Circoscrizione e associazioni del territorio. Durante l’emergenza sanitaria Covid-19 le stampanti 3D, conosciute solo agli addetti ai lavori, sono assurte a eroine salvavita (produzione di mascherine e altre tipologie di strumentazione), ha affermato l’assessore comunale ai Giovani Francesca De Santis, ora vi sarà la possibilità per il mondo dell’associazionismo giovanile triestino di cimentarsi con questo nuovo strumento che costituirà il futuro della produzione.

Un sentito ringraziamento alla Terza Circoscrizione e a tutti coloro che hanno lavorato per il progetto è stato rivolto dall’assessore all’Educazione e Scuola, per la volontà e la determinazione dimostrate nel portare avanti questo bellissimo e utile progetto che consentirà ai giovani e quindi a un pubblico sempre più ampio di realizzare concretamente idee esprimendo così la propria creatività, come abbiamo imparato durante gli eventi collaterali di ESOF, Maker Faire e tra pochi giorni visitando Trieste Next, Festival della Ricerca Scientifica. Utilizzare nuovo strumenti tecnologici significa aprirsi a nuove opportunità ed esperienze.

Il castello di Miramare in 3D

E’ stato spiegato che il progetto è nato dall’intenzione di far vedere in 3D il Castello di Miramare grazie alle riprese effettuate col drone da Max Morelli per Google Maps. Un’idea che è piaciuta alla direttrice del Castello di Miramare. Dopo le riprese sono stati estrapolati i dati da Carlo Fonda che ha trasformato le foto del drone in file i quali sono stati ‘letti’ poi dalla stampante 3D per la realizzazione del modellino (in 4 ore). I giovani al Toti potranno mostrare un loro gadget dal cellulare e riprodurlo quindi con la stampante 3D.

E stato infine sottolineato l’orgoglio dell’Associazione Spiz per vedere portato a termine questo progetto grazie ad una stretta ed efficace collaborazione in rete tra vari soggetti. E auspicata la prossima promozione in modo capillare di tutti gli strumenti dialettici innovativi che ci sono sempre più vicini e familiari. Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sul sito comune.trieste.it, pag.comune.it e sui social istituzionali del Comune di Trieste e di Progetto Area Giovani.

F2C60825-D4BA-4516-9C5C-211FE80598E6-2

81044950-2199-4210-AAC3-61BF47EAE812-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A941A3E6-CDC4-4B70-BFE9-6FE7FDB6FE61-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 7 anni umiliato a scuola per aver dimenticato l'astuccio, la triste storia di Jacopo

  • Obbligo di mascherina fino al 15 ottobre: Fedriga firma l'ordinanza

  • Schianto nella notte in via Giulia, morto scooterista di 50 anni

  • Covid 19: la Slovenia "declassa" l'Italia a zona arancione

  • Schianto tra i Carabinieri e un'auto: militare a Cattinara

  • Ricercata da cinque anni, faceva la escort a Trieste: arrestata 28enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento