rotate-mobile
Caso chiuso

Sedicenne scomparso da una settimana, Stefano ritrovato nella notte

E' tornato nell'abitazione di via Salem a Trieste, dove risulta residente assieme alla madre. Si era allontanato da Favaro Veneto il 22 marzo scorso

Dopo sei giorni si è fatto trovare. Stefano Sbisà, il sedicenne triestino che lo scorso 22 marzo aveva fatto perdere le sue tracce da Favaro Veneto, località in provincia di Venezia dove vive da circa sei mesi, è tornato a casa. E' stata la madre, Tabatha Leone, ad aprirgli la porta dell'abitazione di via Salem a Trieste, nella tarda serata di ieri 28 marzo. Il giovane era scomparso da Favaro Veneto verso le 7:40 di mercoledì scorso e durante la stessa giornata era salito a bordo di un treno. Il biglietto è stato trovato a Trieste dai carabinieri del Comando provinciale del capoluogo regionale durante le ricerche, che dopo una prima fase si sono concentrate soprattutto in Friuli Venezia Giulia. 

Proprio nella città giuliana, in un luogo scoperto dai militari dell'Arma e tenuto nel massimo riserbo per non ostacolare le ricerche, nei giorni scorsi era stato ritrovato uno zaino (appartenente a Stefano) e, per l'appunto, il biglietto del treno. Il luogo era stato utilizzato, con ogni probabilità, come rifugio personale ma Stefano potrebbe non essere stato da solo. Le ricerche sono state rese difficoltose anche dall'assenza di un cellulare. Stefano possedeva un telefono ma senza scheda. Le dinamiche degli spostamenti effettuati dal giovane nell'ultima settimana risultano ancora poco chiari. La madre, raggiunta telefonicamente da TriestePrima, ha potuto tirare un sospiro di sollievo. "Il ragazzo sta bene, voglio ringraziare tutti per la forte partecipazione e sostegno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sedicenne scomparso da una settimana, Stefano ritrovato nella notte

TriestePrima è in caricamento