Latitante fermato su un pullman: "Sto andando in Romania a costituirmi"

Su di lui pendeva un mandato d'arresto europeo ed è stato fermato dai Carabinieri. Si era reso responsabile di diversi furti per i quali è stato condannato ad una pena detentiva di 3 anni. Il Presidente della Corte di Appello che dovrà pronunciarsi sull’estradizione

"Sto andando in Romania a costituirmi", così un 40enne romeno identificato dai Carabinieri del radiomobile di Aurisina durante un controllo su un pullmann in uscita dall'Italia. E'successo nella sera del 22 ottobre, e dagli accertamenti effettuati è emerso che  l'uomo  era destinatario di un mandato di arresto europeo,  emesso  a  maggio  di quest’anno, dal Tribunale romeno di Iasi poiché nel 2017, si era reso responsabile di diversi furti per i quali è stato condannato ad una pena detentiva di 3 anni.

La procedura di estradizione

Il latitante è stato quindi condotto al carcere del Coroneo e messo a disposizione del Presidente della Corte di Appello che dovrà pronunciarsi sull’estradizione e verificare se vi siano le condizioni per l’estradizione in modo da evitare che il detenuto sia consegnato a uno Stato in cui non esistano delle garanzie su una giusta detenzione.

Nel contempo l’arrestato può esprimersi sull’estradizione e chiedere di poter scontare la pena in un carcere italiano. La decisione della Corte d’Appello sarà comunicata al Ministro della Giustizia che informerà il paritetico estero.Solo nell’ultima settimana si tratta del secondo arresto compiuto dai CC nelle attività quotidiane di retrovalico.

Arrestato latitante a Basovizza, già condannato per furto 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trieste usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

  • Prima neve sul Carso: disagi e mezzi spargisale in azione, a Trieste chiusi i giardini

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

Torna su
TriestePrima è in caricamento