25 anni della strage di Mostar, lunedì la cerimonia in Consiglio comunale

Il 28 gennaio 1994 Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D'Angelo vennero uccisi a in Bosnia da una granata mentre stavano realizzando un reportage per il TG1. Oltre alla commemorazione in Comune, spazio al Salone degli Incanti alla serata "Ricordando Marco, 25 anni dopo" con inizio alle 18.30. Ingresso libero

Era il 28 gennaio 1994 quando i giornalisti Marco Luchetta, Alessandro Saša Ota e Dario D'Angelo vennero uccisi a Mostar Est mentre stavano realizzando un servizio giornalistico per la RAI del Friuli Venezia Giulia. Sono passati 25 anni esatti da quel tragico momento che strappò i tre giornalisti alle loro famiglie e ad una intera comunità. Il dramma scaturito dall'assurdità da quella guerra nei Balcani che stava spazzando via anche l'ultimo barlume di civiltà, consegnò alla Storia il vuoto provocato dalla loro morte. Si versarono lacrime e il dolore rimase nelle anime di chi era loro vicino, degli amici di sempre, delle carezze affettuose che ci si dimentica di dare a chi si vuole bene. 

Il ricordo lunedì 28 gennaio in Comune

Da quella follia, la reazione delle persone e dei famigliari fu tra le più iluminate. Venne creata la Fondazione che porta il loro nome (più quello del triestino Miran Hrovatin, tragicamente ucciso assieme ad Ilaria Alpi a Mogadiscio in Somalia) per fare in modo che il ricordo dell'impegno dei tre giornalisti non fosse dimenticato. Lunedì 28 gennaio alle 12 nella sala del Consiglio comunale di Trieste i tre operatori della RAI verranno ricordati solennemente. 

La Fondazione 

Curata della Fondazione Luchetta-Ota-D'Angelo-Hrovatin in collaborazione con il Comune di Trieste, alla cerimonia - che sarà introdotta dal segretario del premio Luchetta Giovanni Marzini - interverranno il sindaco Roberto Dipiazza, il presidente della Regione FVG Massimiliano Fedriga, il presidente dell'Ordine dei Giornalisti del FVG Cristiano Degano, il presidente dell'Assostampa FVG Carlo Muscatello, il presidente della FNSI Giuseppe Giulietti, l'amministratore delegato della Rai Fabrizio  Salini, il direttore del TGR Alessandro Casarin e il direttore della sede RAI FVG Guido Corso.

"Ricordando Marco, 25 anni dopo"

La giornata di lunedì non finirà con la cerimonia in Consiglio comunale. Nell'ambito delle iniziative legate alla mostra "Un secolo di storia di cento primavere" alle 18.30 al Salone degli Incanti si terrà l'incontro "Ricordando Marco, 25 anni dopo", un omaggio e tributo organizzato da Prandicom e Comitato Unione. Sul palco si alterneranno amici e colleghi di marco, giornalisti e personaggi dello sport, rappresentanti delle istituzioni e quanti hanno lavorato e vissuto al suo fianco per ricordare i suoi mille volti. Marco Luchetta infatti, oltre che vestire la maglia del giornalista, era stato anche giocatore di volley, uomo di spettacolo, calciatore amatoriale e grande tifoso della Triestina. 

I bambini della Fondazione presenti all'incontro

Alle 16.30 alcuni bambini ospiti della Fondazione Luchetta Ota D'Angelo e Hrovatin saranno accolti al Salone degli Incanti da una rappresentativa di bambini del settore giovanile della ASD Triestina Victory e di bambine del settore giovanie della Triestina-San Marco. 

Una giornata per ricordare, esercizio utile e  sempre consigliato, soprattutto di questi tempi.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento