Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

In scena la protesta delle sedie, gli studenti: "Non siamo iniziali su uno schermo"

La lista Studenti in Movimento ha invaso piazza Vittorio Veneto con decine di sedie a simboleggiare le aule rimaste vuote

Riceviamo da Studenti in Movimento e pubblichiamo. 

"Quello che vediamo oggi, qui, è la rappresentazione dello studente universitario oggi. Un pallino, con le proprie iniziali, che riempie le classi online. Siamo consapevoli che noi, come il resto del Paese, dobbiamo fare dei sacrifici, ma quello che chiediamo è di non venire trascurati e dimenticati. Perché è così che ci sentiamo. Soprattutto quando l'ordinanza regionale di una settimana fa ha chiuso scuole e università, quando Trieste era ancora in zona gialla".

"Chiediamo dei ristori economici, considerando le complicanze che il dover rimanere forzatamente a casa comporta e considerando un contributo affitti che di fatto non va a supportare molti studenti. I contributi sono per gli studenti che hanno un isee di 15000€, ma che non percepiscono altre borse di studio. Categoria decisamente ridotta in Friuli Venezia Giulia dove la copertura di borse di studio è eccellente. Rimane che manca una vera e propria misura a sostegno degli studenti". 

"La didattica a distanza, oltre ad avere problemi tecnici evidenti come la connessione internet o dispositivi efficienti a seguire le lezioni, provoca gravi ripercussioni sulla salute mentale di noi studenti. Da un anno siamo studenti solo dietro ad uno schermo. Il sociologo e psichiatra Paolo Crepet definisce la nostra come "un’esperienza negativa cronica". 

"Stress, ansia, senso di alienazione e, in alcuni casi, anche depressione, sono realtà sempre più presenti nella vita di noi studenti. Ora siamo in zona rossa e comprendiamo i motivi palesi per cui siamo a casa, ma chiediamo che già dalla zona arancione le aule studio tornino aperte e che i primi anni tornino a lezione, com'era prima dell'ordinanza regionale. Siamo studenti, non iniziali su uno schermo"

Sicali Alessandro e Rotondaro Davide

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In scena la protesta delle sedie, gli studenti: "Non siamo iniziali su uno schermo"

TriestePrima è in caricamento