Cronaca

Stupro della 12enne, Ics e Caritas Trieste: «Deprecabile, ma non si discrediti il diritto d'asilo»

«Prendiamo le distanze da ogni tentativo di strumentalizzazione che voglia criminalizzare intere nazionalità e gruppi di persone»

«Condanniamo fermamente l'episodio di violenza avvenuto a Trieste, che vede coinvolti una ragazza minorenne e quattro richiedenti asilo, deprecabile come ogni forma di violenza». Così si pronunciano Ics e Caritas Trieste Onlus in comunicato congiunto  il Consorzio italiano di solidarietà - Ufficio rifugiati onlus alla luce della recente tragedia: «Confidiamo nel lavoro della magistratura per arrivare ad una maggiore definizione dell'accaduto e determinare e comprendere quanto prima il contesto nel quale la vicenda ha preso forma».

«Prendiamo tuttavia, nettamente, le distanze dalle reazioni apparse sulla stampa - sottolinea l'organizzazione - e da ogni tentativo di strumentalizzazione che voglia criminalizzare intere nazionalità e gruppi di persone, gettando peraltro discredito su un istituto giuridico fondante l'ordinamento costituzionale qual è il diritto d'asilo, invece di ricordare che la responsabilità penale è sempre individuale e di agire per una rapida ricerca della verità e della giustizia».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stupro della 12enne, Ics e Caritas Trieste: «Deprecabile, ma non si discrediti il diritto d'asilo»

TriestePrima è in caricamento