menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Friuli Venezia Giulia questo sconosciuto, sussidiario delle elementari pieno di strafalcioni

Ciclicamente si ripropone il problema sulla mancanza di conoscenza della nostra regione da parte di quegli addetti ai lavori che, al contrario, dovrebbero dimostrare rigorosa precisione. L'ultimo caso nel 2017

Da oggi anche gli alunni delle scuole elementari potranno avanzare dei dubbi sulla composizione geografica del Friuli Venezia Giulia. Anche se ai più potrebbe sembrare uno scherzo o una boutade dai toni marcatamente provocatori, l'affermazione è vera ed è riferita alla poca cura dei particolari emersa dalla notizia della pagina dedicata dal sussidiario @discipline.it alla nostra regione e pubblicata da Il Piccolo e dal Messaggero Veneto. Gli strafalcioni e le dimenticanze sono molte e non è la prima volta che capita.   

Nella scheda sul Friuli Venezia Giulia vengono infatti ripresi alcuni errori che si erano manifestati ancora nel 2017, quando su "Everest, sussidiario delle discipline n.5", edito dal Gruppo editoriale Raffaello, si scoprirono una decina di clamorosi errori geografici, come la presenza di una pianura veneta, che hanno fatto capolino diabolicamente a distanza di tre anni. 

In questo caso il clamoroso strizza l'occhiolino al campanilismo e la gente se la ride. Udine diventa così l'unica provincia della regione e, se Trieste viene menzionata come capoluogo, di Gorizia e Pordenone neanche l'ombra. Assenti ingiustificati poi tutti i riferimenti ai grandi eventi regionali, in una sorta di terapia conservativa del nulla, quasi come se, oltre alle grandi crisi industriali che il territorio sta ormai vivendo da anni, i corregionali non avessero neanche la possibilità di divertirsi grazie, ad esempio, a Friuli Doc, alla Barcolana e chi più ne ha più metta. 

Insomma, dopo gli strafalcioni di Jerry Scotti e le tradizionali trappole sulla storia del confine orientale - che vista la sua complessità potremmo anche dimostrare clemenza rimandando gli addetti ai lavori ad un consueto esame a settembre - ecco che lo svarione arriva proprio da chi dovrebbe, condizionale d'obbligo, perpetuare la diffusione di elementi di conoscenza tutto sommato precisi. Al contrario, continueremo a guardare chi viene da fuori con la solita diffidenza, a volte giustificata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Giro d'Italia 2021: tre le tappe in Friuli Venezia Giulia

Ristrutturare

Superbonus 110%: i lavori necessari per richiedere l'incentivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento