menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto poliziadistato.it

Foto poliziadistato.it

Tagli ai mezzi della Polizia, Sap: "Chiusa definitivamente la Squadra Nautica di Trieste"

"Verranno assegnate alla Questura solamente due moto d’acqua per la vigilanza del litorale in periodo estivo ed in determinate occasioni. È una scelta assurda, mai condivisa dal SAP"

Riceviamo e pubblichiamo integralmente la nota stampa del SAP

Alla fine è giunto in questi giorni, il decreto del Capo della Polizia che sopprime le squadre nautiche e assegna i compiti, personale e mezzi (acquascooter per litorali, gommoni e barche per sommozzatori o vigilanza acque interne) alle Questure e ai Commissariati dei luoghi in cui avevano sede.

Quindi anche a Trieste si chiude definitivamente la questione Squadra Nautica! Verranno assegnate alla Questura solamente due moto d’acqua per la vigilanza del litorale in periodo estivo ed in determinate occasioni.

È una scelta assurda, mai condivisa dal SAP che fin da subito ha osteggiato. Una scelta questa, un’operazione di mero risparmio, un puro e semplice taglio lineare delle spese operato nell'ambito di quella ostinata e dannosa opera di ridimensionamento dell’apparato preposto alla sicurezza interna del Paese, che dà alla sola Guardia di Finanza l’autorità di andar per mare. Non ci meraviglierà affatto se nel futuro sarà necessario ridare alla Polizia risorse per poter svolgere i propri compiti istituzionali anche in mare.

Questo è un altro effetto negativo della Legge Madia che in questi anni ha causato una riduzione così grave degli organici di Polizia e che con questo provvedimento in questi giorni ha sancito la morte definitiva della Squadra Nautica. E’ di fatto riiniziato, quindi, l’eliminazione di centinaia di presidi di Polizia sul territorio e accorpamenti sotto le mentite spoglie delle razionalizzazioni, progetto sospeso per più di due anni ed ora “rispolverato” negli ultimi mesi.

Ciò potrebbe portare a Trieste l’unificazione dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima di Trieste con il Settore Terrestre di Trieste, con l’intento di “ottimizzare le risorse disponibili attraverso l’accorpamento dei rispettivi settori burocratici, con conseguente recupero di unità da destinare ai servizi operativi”.

Un provvedimento questo che se portato a compimento, di fatto non porterà alcun beneficio in termini di risorse da mettere sul territorio, in considerazione delle qualifiche, dell’età elevata degli operatori di polizia li impiegati e delle competenze che attualmente sono così diverse.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Guida

Ancora sole ma minime fino ai 4 gradi: il meteo per domani 9 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento