Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Tares, il Comune fa Chiarezza

La terza rata resta scade il 31 dicembre, mentre il saldo è posticipato al 30 aprile «Il Comune fa chiarezza sulla nuova Tares, la tassa sui rifiuti che ha sostituito la Tarsu. Fermo restando le prime due rate di acconto già versate, e la...

La terza rata resta scade il 31 dicembre, mentre il saldo è posticipato al 30 aprile

«Il Comune fa chiarezza sulla nuova Tares, la tassa sui rifiuti che ha sostituito la Tarsu. Fermo restando le prime due rate di acconto già versate, e la scadenza del 31 dicembre per la terza rata, senza oneri (la cui prima scadenza era stata fissata in novembre) - ha spiegato l'assessore comunale al Bilancio, Risorse economiche e finanziarie, Aziende partecipate e controllate, Matteo Montesano, nel corso di una conferenza stampa, assieme al direttore del Servizio Vincenzo Di Maggio - , il Sindaco ed io proporremo e avvieremo l'iter per lo slittamento a fine aprile del pagamento del saldo (con prevista scadenza al 28 febbraio) per tutte le categorie, domestiche e commerciali. Per quanto riguarda invece, alcune categorie in particolare le merceologiche, gli uffici preposti ed Esatto contatteranno le 160 utenze, cioè laboratori alimentari, panifici, pasticcerie, rosticcerie ecc per chiarire e rivedere le singole posizioni e le bollettazioni. Aprendo così un "canale" dedicato per le categorie economiche».

«Per ogni ulteriore dubbio, i cittadini possono fare riferimento ad Esatto, agli uffici comunali tributi o all'assessore in persona - ha detto Montesano -. Già domani avrò un incontro con i Panificatori. Purtroppo nella nuova Tares tutte le categorie alimentari hanno difficoltà a trovare specificità chiare di inquadramento, basate ancora sul Decreto Ministeriale del '99, e il passaggio dalla Tarsu alla nuova tassa Tares, facendo riferimento alle banche dati disponibili già presenti e automatizzati con situazioni già esistenti, non ha facilitato le operazioni, onerose anche per gli uffici preposti. Norme non gestite da noi e con criteri che dovrebbero essere più precisi. Per altre categorie come ad esempio, le pescherie, invece non ci sono dubbi di inquadramento. D'altra parte - ha sottolineato l'assessore Montesano - ci rendiamo conto delle difficoltà emerse, e il Comune - rassicura - non ha interesse ad avere contenziosi con i cittadini».

Foto di Roberto Dubs

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tares, il Comune fa Chiarezza

TriestePrima è in caricamento