Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Tavolo economico sul porto in Comune: «Punto di forza della città, un anno di grandi risultati»

Tavolo economico sul porto in municipio. Risultati positivi nel complessivo quadro strategico per lo sviluppo dello scalo triestino

Importanti passi avanti e risultati positivi nel percorso di crescita del porto di Trieste dopo un anno di intensa e approfondita attività su vari fronti per riorganizzare al meglio l'operatività dello scalo. Di questo si è parlato nel corso del tavolo economico che si è tenuto in Municipio, alla presenza del sindaco Roberto Cosolini e del commissario dell'Autorità Portuale Zeno D'Agostino, cui hanno partecipato tra gli altri, l'assessore comunale Roberto Treu, consiglieri comunali, rappresentanti di operatori, categorie, sindacati e associazioni cittadine.

Un appuntamento già programmato, un'occasione di confronto che vuole dar conto alla città di un importante 'punto di forza e di riferimento' per l'economia e l'occupazione della città, ha rilevato il sindaco, definendo il porto una importante sfida economica' per costruire una prospettiva' dopo la recente riconferma a commissario di Zeno D'Agostino, e che si basa finora su risultati concreti: dalla tessitura di contatti e relazioni internazionali per migliorare il business, come l'accordo stipulato recentemente con l'Iran, al lavoro avviato con Autorità Portuale e Regione per costituire un unico sistema portuale regionale che comprenda Monfalcone e Porto Nogaro, allo sviluppo delle relazioni industriali del porto e l'operatività dello scalo. E soprattutto  creare occupazione, grazie a sinergie comuni e all'impegno di tutte le forze in campo. A tale proposito, il 14 marzo, a Vienna, ha ricordato Cosolini, è in programma un nuovo appuntamento con l'Amministratore delegato delle Ferrovie austriache per rafforzare i rapporti di cooperazione.

Il commissario D'Agostino ha ribadito l'impegno nella complessiva riorganizzazione del porto per attrarre nuovi investimenti a livello internazionale, con particolare riguardo all'occupazione, alla stabilizzazione dei posti di lavoro e al futuro incremento. Di rilievo anche il dato di crescita (30% in più) rispetto al 2015 del traffico di treni - elemento strategico per il porto di Trieste - e investimenti in infrastrutture che determinano la competitività portuale. La firma della Via-Vas integrata consentirà a breve la definitiva approvazione del Piano regolatore portuale. Affrontato anche il tema delle partecipate portuali (Trieste Terminal Passeggeri, Adriafer), e quello relativo alla logistica e ai punti franchi (Fernetti, Prosecco, zona ex Aquila), «per cui sono già in corso trattative con soggetti interessati» - ha detto D'Agostino -. «In definitiva, abbiamo le idee chiare sulla strada da seguire».

Commenti positivi da parte degli operatori e dei rappresentanti di categoria presenti che hanno evidenziato l'opportunità di continuare il lavoro di confronto su percorsi e scelte, elogiando l'operato portato avanti finora dal commissario D'Agostino.

Il sindaco ha lasciato il tavolo economico per incontrare una delegazione di lavoratori ex Sertubi, la maggior parte con la mobilità in scadenza o già scaduta e il loro rappresentante sindacale Sasha Colautti. L'incontro di oggi è avvenuto a seguito di un precedente appuntamento che era stato fissato dal sindaco, in consiglio comunale, con la Regione proprio per mantenere alta l'attenzione sul caso dei lavoratori impiegati alla Sertubi.

Siccome la situazione per la ricollocazione occupazionale dei lavoratori pare essere in una situazione di stallo, Cosolini si è impegnato a organizzare nel giro di pochi giorni un incontro con l'Assessore al Lavoro regionale Loredana Panariti per affrontare al più presto la questione, poichè ha ribadito rovolgendosi ai lavoratori: «Voi dovete essere incanalati il prima possibile in un nuovo percorso lavorativo». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tavolo economico sul porto in Comune: «Punto di forza della città, un anno di grandi risultati»

TriestePrima è in caricamento