Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Teatro, ricordata l'attrice Ave Ninchi

Cordiale e amichevole incontro tra il vicesindaco Fabiana Martini e Marina Ninchi, presenti tra gli altri anche il presidente de “L'Armonia” Giuliano 2015_06693 stampa-2Zanier, con alcuni rappresentanti dell'Associazione stessa

“È sempre una gioia venire a Trieste, ritrovarsi e stare insieme tra amici”. Lo ha detto l'attrice Marina Ninchi, la figlia dell'indimenticabile Ave, “mostro sacro” del teatro italiano, a cui il Comune di Trieste, il 22 dicembre del 2013, ha dedicato il piazzale antistante la sede dell'Arac, all'interno del giardino pubblico Muzio de Tommasini.

E proprio sotto la targa che ricorda l'attrice Ave Ninchi ( morta a Trieste il 10 novembre del 1997 e poi sepolta  nella tomba di famiglia di Firenze, con vicino il suo amato “Diario delle Carmelitane” ) c'è stato questa mattina (venerdì 3 aprile) un cordiale e amichevole incontro tra il vicesindaco Fabiana Martini e Marina Ninchi, presenti tra gli altri anche il presidente de “L'Armonia” Giuliano 2015_06693 stampa-2Zanier, con alcuni rappresentanti dell'Associazione stessa e diversi cittadini che hanno voluto stringere la mano a Marina nel ricordo di sua madre. Tanti gli aneddoti, le considerazioni e i  ricordi legati alla popolare e amata attrice, che ha avuto un legame intenso e particolare con la nostra città e che ancora oggi tanti triestini ricordano con affetto e  simpatia.

Dopo la bella e riuscita  manifestazione al teatro Rossetti d'ieri sera -in occasione del trentennale de “L'Armonia” e della consegna del premio al miglior attore del Festival Internazionale "Ave Ninchi"- con  un semplice ma significativo incontro la signora Marina Ninchi  ha voluto così ringraziare ancora una volta il Comune di Trieste e il vicesindaco Fabiana Martini per l'affetto sempre dimostrato nei confronti di sua madre e per avergli dedicato quel bel e vitale piazzale all'interno del giardino pubblico de Tommasini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro, ricordata l'attrice Ave Ninchi
TriestePrima è in caricamento