menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro Sloveno, al via la seconda edizione delle Matinées musicali

Dopo il successo della prima edizione, ritornano al Teatro Stabile Sloveno le Matinées musicali della domenica. Il Teatro e il centro musicale sloveno Glasbena matica rinnovano il partenariato ospitando e organizzando i concerti ideati dal direttore artistico del ciclo, il violinista triestino Črtomir Šiškovič

Dopo il successo della prima edizione, ritornano al Teatro Stabile Sloveno di via Petronio le Matinées musicali della domenica. Il Teatro e il centro musicale sloveno Glasbena matica rinnovano il partenariato ospitando e organizzando i concerti ideati dal direttore artistico del ciclo, il violinista triestino ?rtomir Šiškovi?.

Quest'anno il programma delle matinées sarà ancora più ricco con l'aggiunta di un concerto con i migliori talenti della Glasbena matica. Per la prima volta inoltre anche la musica antica entrerà a far parte del programma. Dopo ogni concerto gli organizzatori offriranno a tutti gli spettatori un aperitivo e la possibilità di intrattenersi con gli interpreti nel foyer della galleria.  

La prima matinée del nuovo ciclo sarà in programma domenica 22 novembre al Teatro Stabile Sloveno (sede di tutti i concerti), dove si esibirà il duo formato per l'occasione da due affermati solisti, il flautista emiliano Giovanni Mareggini e il chitarrista triestino Marko Feri. Mareggini è uno dei fondatori dell'ensemble Icarus, con il quale si è esibito nell'ambito di importanti festival internazionali e su palcoscenici prestigiosi (La Scala, La Fenice, il teatro Colon a Buenos Aires…). In Italia ha collaborato con celebri attori e cantautori (tra questi Paola Gassman e Lucio Dalla). Marko Feri è un solista dalla carriera internazionale, molto richiesto anche in America per masterclass e giurie di concorsi. Il programma con brani di autori e stili diversi del secolo scorso passerà dalla Francia di Ibert alla Spagna di Rodrigo, per arrivare al ricordo del triestino Pavle Merkù. 

La matinée successiva sarà in programma il 20 dicembre con il concerto del quartetto d'archi Sebastian di Zagabria. Il programma classico del quartetto che è membro della International Yehudi Menuhin Foundation a Parigi, comprenderà anche il concerto a quattro di un allievo di Giuseppe Tartini, lo zaratino Michele Stratico.

Domenica 17 gennaio il pubblico potrà scoprire gemme del XVII e XVIII secolo: arie, sonate, toccate e cantate nell'interpretazione del soprano triestino Laura Antonaz (che quest'anno ha cantato anche al Festival di Salisburgo) e del cembalistaLuca Ferrini.

Domenica 28 febbraio il violinista ?rtomir Šiškovi? presenterà le Quattro stagioni di Vivaldi nell'inconsueto arrangiamento per violino e due arpe di Noris Borgogelli. Con lui suoneranno le arpiste Simona Mallozzi e Rosanna Valesi, alle quali verranno affidati intermezzi che faranno da prologo alle singole stagioni.

La serie di matinées musicali si concluderà il 3 aprile con la rassegna di giovani talenti, allievi della Glasbena matica, che si sono distinti in occasione di importanti concorsi e concerti.  Tutti i concerti avranno inizio alle ore 11.00.

Ingresso: 7 euro (5 euro ridotto)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento