rotate-mobile
Cronaca

Teatro Stabile Sloveno: al via la nuova stagione “volante”

Spettacoli ispirati a Marlene Dietrich, Edith Piaf fino ai personaggi di Marko Sosič nel volo radente di Quota neve, al vicino sconosciuto di Quaia e fino al volo finale con gli Uccelli di Aristofane. Ci sarà obbligo di mascherina per gli spettatori, ma senza distanziamenti

Voli visionari, liberatori, artistici sono il tema alla base della nuova stagione del Teatro Stabile Sloveno di Trieste. La stagione passata, prolungata a causa della situazione emergenziale e della chiusura nazionale dei teatri, si concluderà nei prossimi giorni, mentre nuove esperienze teatrali attendono gli spettatori da dicembre in poi, esclusivamente nella Sala principale, con obbligo di mascherina per gli spettatori, ma senza distanziamenti (in accordo con le nuove normative).

Proprio il salto (e la speranza) in una nuova “normalità” ha portato il direttore e direttore artistico del TSS Danijel Malalan a immaginare un programma all'insegna del volo simbolico, un tema che il grafico Andrej Pisani ha interpretato con le ali colorate che contraddistinguono l'immagine della nuova stagione 2021/2022.

Malalan nel suo benvenuto al pubblico ha sintetizzato all'interno della metafora del volo i contenuti delle nuove produzioni e coproduzioni TSS con le parole: »Volate insieme allo TSS e unitevi agli eroi e alle eroine che, nonostante le difficili esperienze di vita, hanno spiccato il volo confidando in un mondo migliore: dalle celebri Marlene Dietrich e Edith Piaf fino ai personaggi di Marko Sosi? nel volo radente di Quota neve, al vicino sconosciuto (ma pur sempre vicino!) di Quaia e fino al volo finale con gli Uccelli di Aristofane, nella versione di Jera Ivanc.«

La stagione comprenderà sia a Trieste che a Gorizia quattro produzioni e coproduzioni e due spettacoli ospiti. Si inizierà il 2 dicembre con l'anteprima del progetto d'autore MarlenEdith, che le cantanti Stefania Seculin e Graziana Borciani dedicano alle vicende umane e artistiche di due donne celebri e di grande temperamento come Marlene Dietrich e Edith Piaf.

A questa esperienza teatrale e musicale al tempo stesso seguirà nel mese di gennaio un ricordo dello scrittore triestino (per diverse stagioni anche direttore artistico del TSS) Marko Sosi? con lo spettacolo Quota neve.  Il suo testo, che parla di relazioni familiari e rapporti interpersonali in un'epoca di sempre maggiore estraniazione e solitudine, verrà messo in scena in coproduzione con il teatro Prešernovo gledališ?e di Kranj e la regia di Goran Vojnovi?, molto noto in Slovenia sia come scrittore e drammaturgo che come regista cinematografico. Ciao 

La collaborazione con il Teatro di Capodistria porterà in aprile al tempo stesso la comicità, un testo classico e una riflessione attuale con lo spettacolo La φattopia degli uccelli (La fattoria degli uccelli) della filologa classica e drammaturga Jera Ivanc. La farsa tratta da Aristofane nella regia di Jaka Ivanc si interroga sulla possibilità di un mondo ideale e più giusto sopra le nuvole,  un'utopia che però attira ogni sorta di opportunisti.

Nei mesi di maggio e giugno andrà in scena ancora l'ultima coproduzione, stavolta in collaborazione con il teatro Stabile di Trieste La Contrada. Così vicino di Luca Quaia è un monologo ironico sull'accettazione del diverso nella storia di una giovane donna alle prese con il trasloco e soprattutto con l'irrazionale paura della famiglia del vicino di casa. Questo spettacolo prevede una doppia versione linguistica: debutterà infatti nella versione italiana alla Contrada, in quella slovena a Gorizia, con ulteriori repliche sotto le stelle nell'ambito del festival estivo dei teatri triestini Let's Play Sartorio nel parco del museo Sartorio.

Il primo spettacolo ospite sarà la coproduzione dei teatri di Capodistria, Prijedor e della Fondazione Friedrich Ebert Jugoslavia, il mio paese, che ha conquistato diversi premi, tra i quali il Tantadruj come migliore spettacolo della scorsa stagione tra i teatri del litorale. Il testo, messo in scena dal regista Marko Misira?a, parla del viaggio attraverso i Balcani di Vladan Borojevi? alla ricerca di suo padre, ex ufficiale dell'Esercito popolare jugoslavo e criminale di guerra.

Sarà invece il tradimento nei rapporti di coppia a caratterizzare il secondo spettacolo ospite in programma, la produzione del teatro di Celje La bugia di Florian Zeller, nella regia di Jernej Kobal. Si tratta in questo caso di una serata che due coppie di amici trascorrono insieme e di verità nascoste che potrebbero minare i loro rapporti.

Tutti gli spettacoli saranno corredati da sovratitoli in italiano e per le repliche della domenica pomeriggio è confermato il servizio di autobus navetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Stabile Sloveno: al via la nuova stagione “volante”

TriestePrima è in caricamento