Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Profughi senza biglietto sui bus? Trieste Trasporti: «Nessun trattamento di favore»

Durante una puntata di Ring a Telequattro l'ospite ha posto il quesito in merito al comportamento dei richiedenti asilo che viaggiano sui mezzi pubblici. La risposta della società non lascia dubbi: «Se senza biglietto multati come tutti gli altri cittadini»

Profughi sugli autobus senza biglietto o abbonamento? Questa la domanda posta da un ospite in studio a Telequattro (nel programma Ring, in onda lo scorso venerdì): il loro comportamento - spiega l'ospite - ha destato sospetto in quanto non timbrerebbero mai i titoli di viaggio una volta saliti sui mezzi della Trieste Trasporti. 

Immediata la replica dei vertici della TT pervenuta alla redazione di Telequattro. Il servizio riporta che «i migranti sono trattati come tutti gli altri utenti: è obbligatorio che abbiano il biglietto (o abbonamento). Quasi tutti i richiedenti asilo ne hanno uno».

«Nel caso in cui uno dei rifugiati venisse fermato da un controllore senza biglietto o abbonamento - continua il servizio - questo verrà sanzionato. Il problema si pone nel momento in cui il trasgressore è sprovvisto di documento: l'ordine è di farlo scendere dal bus, ma non essendo possibile avere i dati anagrafici, non è previsto il sanzionamento».

Infine Telequattro riporta che «non c'è alcun accordo o formula speciale per l'erogazione degli abbonamenti ai profughi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi senza biglietto sui bus? Trieste Trasporti: «Nessun trattamento di favore»

TriestePrima è in caricamento