menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Maria Sandra Telesca

Maria Sandra Telesca

Bonus anti-povertà, Telesca: «L'Inps trovi delle rapide soluzioni»

«Problematiche e ritardi dovuti all'integrazione fra le due forme di sostegno al reddito»

«Sollecitiamo l'Inps a mettere in atto le migliori e più rapide soluzioni per il superamento delle criticità che si stanno registrando sul territorio, legate all'erogazione del bonus regionale anti-povertà».
Così l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca sui ritardi che si stanno verificando nel versamento del contributo della Misura di inclusione attiva (Mia) del Friuli Venezia Giulia.

«Va ricordato - ha spiegato l'assessore - che l'intervento disposto dalla Regione, partito ad ottobre del 2015, dopo alcune problematiche iniziali dovute all'elevato numero di richieste concentrate nella prima fase di avvio, stava andando a regime senza significativi intoppi. Poi, con l'introduzione dell'analoga iniziativa da parte del Governo, è stata fatta un'integrazione fra le due forme di sostegno al reddito che ha visto l'Inps diventare il soggetto erogatore; da qui il sorgere delle problematicità legate alla funzionalità dell'applicativo».

L'assessore poi ha puntualizzato che il personale della Regione, al pari di quello dei servizi sociali dei Comuni, nel 2015 ha
saputo superare le numerose problematiche "fisiologicamente conseguenti" ad uno strumento di non semplice applicazione come la Mia. «Ora - ha sottolineato Telesca - questo sistema è stato messo nuovamente sotto pressione, a causa delle difficoltà derivanti dall'integrazione con l'Inps».
«A tal riguardo - ha aggiunto Telesca - dobbiamo riconoscere che il personale della Regione sta esprimendo uno sforzo straordinario davvero notevole per risolvere le difficoltà di allineamento che abbiamo riscontrato con il livello nazionale. E va anche riconosciuto che alcuni Comuni, come ad esempio quello di Trieste, hanno comunque trovato soluzioni provvisorie per non interrompere i pagamenti. Questo ha consentito di non caricare sui cittadini i ritardi nella gestione dell'applicazione di norme regionali e statali che perseguono finalità sociali importanti, ma che purtroppo - ha concluso - si scontrano molto spesso con difficoltà gestionali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: consigli e idee regalo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento