Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Sanità: aumenta il numero delle prestazioni erogate nei tempi previsti; ancora sotto la soglia priorità a breve e differite

In generale le criticità maggiori interessano l'endocrinologia e la neurologia, a seguire la gastroenterologia, la chirurgia vascolare e l'ortopedia

Il Comitato per la legislazione, il controllo e la valutazione del Consiglio regionale ha esaminato, alla presenza dell'assessore regionale Telesca, la relazione sullo stato di attuazione della legge 7/2009 e sui risultati legati al contenimento dei tempi di attesa nella fruizione delle prestazioni sanitarie.
Il documento riporta i dati sull'offerta di prestazioni di specialistica ambulatoriale, evidenziando la percentuale di appuntamenti che, negli anni 2015-2016, hanno rispettato i tempi previsti e suddividendoli per classi di priorità, sistema che differenzia l'accesso in rapporto alle condizioni di salute dell'utente: B-breve (10 giorni di attesa), D-differita (30 giorni per visite, 60 per esami strumentali), P-programmata (fino a 180 giorni).

Dalla relazione emerge che il 53,8% delle prenotazioni avviene attraverso i Cup, il 34,4% per mezzo dei call center, l'11,7% nelle farmacie e solo lo 0,1% online. Di queste l'80% delle richieste sono attribuibili alla priorità P, circa il 4,5% alla D, il 6,5% alla B, l'1,5% alle urgenze.
I dati di sintesi del biennio evidenziano un aumento delle prestazioni erogate nei tempi previsti, passate dal 64% del 2015 al 74% del 2016 per le prestazioni in priorità Breve (95% è la soglia di raggiungimento prevista dal patto tra Regione e Direzioni generali degli enti del Servizio sanitario regionale), Aumentano dell'1%, passando dal 75% del 2015 al 76% del 2016, le prestazioni in priorità Differita (a fronte della soglia del 90%) mentre costanti all'85% restano le prestazioni in priorità Programmata, percentuale rispondente alla soglia prevista.

In generale le criticità maggiori interessano l'endocrinologia e la neurologia, più limitatamente la gastroenterologia, la chirurgia vascolare e l'ortopedia.
Livelli di criticità si registrano anche per alcune prestazioni strumentali: risonanza magnetica, tomografia computerizzata, elettromiografia, esofagogastroduodenoscopia, fundus oculi, elettrocardiogramma da sforzo.
L'analisi per aree territoriali evidenzia maggiori problematiche nelle aziende della provincia di Udine anche in considerazione dell'elevata mobilità e della mancanza di filtri legati alla residenza nell'accesso alle prestazioni.

Relativamente agli interventi chirurgici, dai dati riportati nella relazione, emerge che per le prestazioni con priorità A (30 giorni) il ricovero è avvenuto nei tempi previsti nel 70% dei casi, per la priorità B sono stati rispettati i 60 giorni nel 68% dei casi, per le C i 180 giorni sono stati rispettati nell'87% dei casi e per le D tutti gli interventi sono stati eseguiti entro l'anno.
Il testo, indicando proposte migliorative al sistema, fa prima di tutto riferimento al personale medico e per rientrare nei parametri previsti stima un fabbisogno di medici a tempo pieno pari a 30 unità.
Ulteriori correttivi consistono nel monitoraggio dell'attività libero-professionale soprattutto per quelle prestazioni specialistiche che non rientrano nelle priorità, nell'estensione degli orari di apertura degli ambulatori fino alle ore 20 e nell'incremento delle sedute operatorie.

Si intende inoltre vincolare gli specialisti alla prenotazione diretta attraverso la procedura Cup aziendale, nominare un responsabile unico aziendale per la gestione delle liste d'attesa e ottimizzare l'informazione al cittadino, ampliando l'offerta via web e migliorando i siti aziendali per agevolare l'accesso agli utenti.
Al termine dei lavori, il Comitato di controllo ha espresso parere favorevole sulla relazione che oggi sarà esaminata dalla III Commissione consiliare e nominato quale relatore il consigliere Pustetto.
Il Comitato ha infine espresso parere favorevole sulla clausola valutativa (art.6) del testo unificato dei progetti di legge sull'azzardopatia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità: aumenta il numero delle prestazioni erogate nei tempi previsti; ancora sotto la soglia priorità a breve e differite

TriestePrima è in caricamento