Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Strada Vecchia dell'Istria

Cure contro il Covid, Confalonieri: “Nuovi monoclonali promettenti, ma bisognerà aspettare mesi”

Il direttore della pneumologia di Cattinara: "Si potranno somministrare ai primi giorni dal contagio, prevenendo diffusione del virus e malattia grave. Quelli italiani potrebbero costare molto meno"

Non solo vaccini: la ricerca continua anche per quanto riguarda le cure contro il Covid. Oltre alla consolidata terapia cortisonica, la nuova frontiera è rappresentata da una nuova generazione di terapie monoclonali. Ne abbiamo parlato con il professor Marco Confalonieri, direttore della pneumologia di Cattinara.

 “Sulle terapie monoclonali – ha spiegato il professore a margine di una conferenza stampa - ci sono ottime aspettative, soprattutto su quelle nuove, che potranno essere somministrate per via intramuscolare nei primi giorni del contagio e non solo fare abortire una malattia grave ma anche impedire una diffusione del virus. Sono anche in studio altri monoclonali per via orale ma siamo ancora in una fase iniziale di studio”.

Si era posto in passato il problema dei costi di questa terapia come presunto ostacolo a una somministrazione di massa. Secondo Confalonieri, tuttavia, “I costi dei monoclonali italiani che sono stati messi a punto dall’equipe del professor Rappuoli promettono di essere decisamente inferiori a quelli disponibili fino adesso. Una buona speranza ma bisogna considerare che i tempi per terminare la sperimentazione e avere questi nuovi monoclonali in commercio, pur in vista di un’accelerazione, richiederà ancora diversi mesi, quindi difficilmente saranno disponibili entro il 2021”.

Per il momento, spiega il medico,  continua a fare scuola il ‘metodo Trieste’, larganente usato a Cattinara e basato sulla somministrazione di cortisone: “L’approccio iniziale con un certo schema di cortisonico a basse dosi prolungate nel tempo associato a un supporto respiratorio non invasivo riduce la necessità di intubazione e l’approccio invasivo, riducendo anche i tempi di degenza, in più del 70% dei casi”.

Vaccini, Riccardi: “Necessario immunizzare altre 100mila persone”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cure contro il Covid, Confalonieri: “Nuovi monoclonali promettenti, ma bisognerà aspettare mesi”

TriestePrima è in caricamento