menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continuano le scosse, epicentro sempre nelle Dolomiti Friulane

Domenica alquanto movimentata nel sottosuolo. Un nuovo leggero movimento tellurico di 2,9 di magnitudo è stato avvertito e segnalato nel pomeriggio, a 6 chilometri da Forni di Sotto

Continuano le scosse, epicentro sempre nelle Dolomiti Friulane, 25 febbraio 2018
Una nuova scossa di 2.9 di magnitudo è stata avvertita alle 15.36 a 6 chilometri da Forni di Sotto. Alle 15.40 ne è seguita un'altra, leggermente più debole di ML 2.3, così come una terza alle 17:09 (Ml: 1.1). Si tratta di movimento di assestamento che vanno a seguire quelle verificatesi stamattina, di cui ricordiamo quella delle ore 9.16.30, con epicentro tra i comuni di Forni di Sotto,  Forni di Sopra e Claut, che ha raggiunto una magnitudine di 3,8 ML Richer. In seguito sono state rilevate una serie di repliche, la principale di magnitudo 2.4 alle ore 9:47. Nei giorni scorsi l’area era stata interessata da debole sismicità, con due terremoti avvenuti il 22 febbraio: uno di magnitudo 1.1 a Forni di Sotto, l’altro di magnitudo 0.7 a Claut. 

L'attività tellurica nella zona

L’area epicentrale del terremoto di questa mattina rientra nel distretto sismico di Claut, analizzato in dettaglio in alcuni studi realizzati dal CRS in passato. Si tratta di una zona interessata storicamente da sismicità frequente ma non catastrofica, con eventi che hanno superato in alcuni casi la soglia del danno (i principali nel 1776 e nel 1794, con magnitudo stimata 5.8 e 5.5, rispettivamente). Dal 1977, anno di installazione delle Rete Sismometrica del Friuli Venezia Giulia, è disponibile una ricca documentazione sui terremoti del Clautano: la sismicità è per lo più concentrata tra i 9 ed i 14 km e si è spesso manifestata con sciami sismici della durata di poche ore o alcuni giorni. Il terremoto più forte del distretto si è verificato durante lo sciame sismico che ha interessato Claut nel 1996, caratterizzato da tre sequenze in successione (eventi principali il 27 gennaio, il 27 febbraio ed il 13 aprile, di magnitudo rispettivamente 3,6, 3,8 e 4,3). L’evento del 13 aprile 1996 ha causato leggeri danni ad alcune abitazioni.

Cattura-28-31-2


image003-10-2

Potrebbe interessarti: https://www.udinetoday.it/cronaca/terremoto-forni-sotto-sopra-friuli-carnia-dolomiti-friulane-25-febbraio-2018.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/UdineToday/131006693676317

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

Torta morbida cioccolato e cannella: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento