Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Terrorismo, Serracchiani: «Ringraziamo le forze dell'ordine, ma attenti alla paura verso gli stranieri»

«Bisogna aumentare soprattutto le iniziative volte a un'integrazione reale delle seconde generazioni di immigrati, coinvolgendo famiglie e autorità religiose»

«Ancora una volta ringraziamo l'attività preventiva delle forze dell'ordine, che dimostrano di vigilare con efficienza contro i rischi di attività terroristiche». Lo ha affermato la deputata del PD Debora Serracchiani commentando l'operazione  della sezione Cyberterrorismo della Polizia postale di Trieste e delle Digos del capoluogo giuliano e di Udine, che ha portato a individuare un minorenne italiano di origine algerina dedito a propaganda e proselitismo in favore della Jihad e dello Stato islamico.

«Come nella lotta al terrorismo - ha osservato Serracchiani - la guerra asimmetrica all'Isis si combatte togliendo l'acqua nella quale nuotano i potenziali lupi solitari, stando accanto ai tanti pacifici cittadini italiani di religione islamica. Facciamo attenzione a non puntare l'attenzione solo ai richiedenti asilo, peraltro in drastico calo, e poi trascurare quello che avviene nelle menti dei figli dei nostri vicini di casa. È facile soffiare sulla paura verso gli stranieri, altro discorso fronteggiare concretamente un fenomeno interno alla nostra società».

Per Serracchiani «l'attività degli investigatori ci manda dei segnali precisi sulla necessità di aumentare soprattutto le iniziative volte a un'integrazione reale delle seconde generazioni di immigrati, coinvolgendo famiglie e autorità religiose. Il capo della comunità islamica di Trieste ha sempre svolto un'opera di apertura e mediazione e va considerata seriamente l'esplicita volontà di continuare a condividere percorsi di integrazione con la sua comunità. Trieste può essere laboratorio - ha concluso - anche in questa circostanza drammatica».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo, Serracchiani: «Ringraziamo le forze dell'ordine, ma attenti alla paura verso gli stranieri»

TriestePrima è in caricamento