Trasporti ridotti del 30%: conducenti a casa e passeggeri stipati

Alla luce del 18 maggio riapertura esercizi commerciali in FVG .Trieste TPL inadeguato a garantire il distanziamento sociale

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Con l’entrata in vigore della Fase 2 e con le successive “riaperture” si pone il problema del trasporto pubblico locale. Attualmente il servizio è ridotto del 30%, con linee cittadine che viaggiano con orario festivo con frequenze che variano dai 20 ai 40 minuti (come il caso delle linee 10, 11, 22, 33, 37 e 48), l’indicazione della percentuale del 50% della capienza massima del mezzo come limite trasportabile è sovrastimata. Per le caratteristiche strutturali dei bus urbani raggiungere tale soglia significa avere l’autobus affollato in contrasto con le prescrizioni sanitarie; non sarebbe garantito il distanziamento sociale tanto declamato e funzionale a contrastare la diffusione del virus. C’è già stato in questi giorni un aumento dell’afflusso di passeggeri, è auspicabile quindi la riattivazione del servizio pre-covid per garantire più vetture in strada e una miglior distribuzione numerica (confacente con prescrizioni sanitarie e prudenza) dell’utenza sulle linee. L’esigenza cogente è di avere più mezzi a disposizione e non conducenti a casa in cassa integrazione ponendo come prioritaria l’attenuazione dei contagi per l’interesse generale della comunità Trieste, 13 maggio 2020 Ufficio stampa Segreteria provinciale UGL Autoferrotranvieri Trieste

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento