rotate-mobile
Autostrade Alto Adriatico

Esodo estivo in autostrada: previsti due milioni di turisti e quattro giornate da bollino nero

Previsione riferita alla rete Autostrade Alto Adriatico: quattro giornate da bollino nero e dieci da bollino rosso. Nella prima parte di stagione +5,54 per cento di transiti rispetto al 2022. In calo gli incidenti

TRIESTE - Sta per arrivare l'esodo estivo: in arrivo sulla rete di Autorìstrade Alto Adriatico quattro sabati da bollino nero e dieci giornate da bollino rosso, con più di due milioni di turisti che percorreranno la rete autostradale nei fine settimana. Il turismo è in crescita di questa prima parte della stagione (10 giugno – 23 luglio), un + 5,54 per cento confrontato con lo stesso periodo dello scorso anno. Oltre duecento persone saranno impegnate a gestire il traffico nei weekend. Lo ha comunicato la stessa società ieri in una conferenza stampa cui hanno partecipato  il Direttore d’Esercizio di Autostrade Alto Adriatico, Davide Sartelli, e il Comandante della Polizia Stradale del Fvg, Paolo Di Domenico.

Le giornate da bollino nero e rosso

Quattro le giornate caratterizzate da bollino nero (con traffico particolarmente intenso): sabato 29 luglio (prima giornata di grande esodo), sabato 5 agosto, sabato 19 agosto (primo giorno di controesodo), sabato 26 agosto. Le giornate da bollino rosso saranno 10: domenica 30 luglio; giovedì 3, venerdì 4, domenica 6 agosto; venerdì 11 e sabato 12 agosto; venerdì 18 e domenica 20; domenica 27; venerdì 1°settembre. Una singola giornata da bollino nero equivale per Autostrade Alto Adriatico all’impiego di circa 200 persone. Grande quindi sarà lo sforzo per gestire ogni tipo di emergenza. In vigore c’è una serie di protocolli stilati assieme a prefetture competenti per territorio, polizia stradale, vigili del fuoco, 118, protezione civile e Comuni, per fronteggiare le problematiche che potrebbero insorgere in caso di code e incidenti. In particolare, uno dei protocolli prevede l’utilizzo della A34 Villesse – Gorizia in caso di code alla barriera di Trieste - Lisert. L’uscita consigliata è a Villesse in caso di code che raggiungono i 3 chilometri; uscita che diventa obbligatoria, con utilizzo di safety car della polizia stradale e degli ausiliari alla viabilità, se la coda dovesse raggiungere i 6 chilometri. Grazie a questo bypass è possibile raggiungere la Slovenia e le località di mare croate con un percorso più lungo ma che diventa a tutti gli effetti più breve in termini di tempo.

I dati di traffico e degli incidenti

Complessivamente dall’inizio dell’anno il traffico è in crescita: +6,31 per cento rispetto allo stesso periodo del 2022. In aumento soprattutto i transiti dei veicoli leggeri: + 8,60 per cento, mentre i flussi dei mezzi pesanti registrano un +1,01 per cento. A fronte del passaggio sull’intera rete della Concessionaria di oltre 27 milioni di veicoli, si sono verificati 73 incidenti con feriti (17 in meno rispetto allo scorso anno) e 3 mortali (6 in meno rispetto allo stesso periodo del 2022). In calo anche il tasso di incidentalità che è passato da 22,3 incidenti per 100 milioni di veicoli-km registrati nel 2022 ai 22 rilevati nell’anno in corso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esodo estivo in autostrada: previsti due milioni di turisti e quattro giornate da bollino nero

TriestePrima è in caricamento