menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trasporti, Serracchiani incontra InRail: Progetti per Porto di Trieste

Incontro in Regione tra la presidente Debora Serracchiani e il presidente e il direttore commerciale di InRail, Guido Porta e Lucio Gentile

La presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, ha ricevuto nel palazzo della Regione a Trieste, il presidente e il direttore commerciale di InRail, Guido Porta e Lucio Gentile, i quali hanno illustrato i progetti futuri dell'Azienda attiva nel trasporto merci su rotaia.

In particolare, gli imprenditori hanno presentato alla presidente la trattativa avviata con FerServizi per l'acquisizione delle officine di via Buttrio a Udine. L'area, attualmente dismessa, verrebbe riqualificata da InRail e utilizzata per provvedere alla manutenzione e alle eventuali riparazioni dei locomotori, con una previsione di nuovi inserimenti di personale ad alta specializzazione fino ad una ventina di addetti nell'arco di tre anni.

A questo proposito Serracchiani ha auspicato che il buon esito della trattativa possa - oltre che ai benefici occupazionali - dare vigore a una zona del capoluogo friulano piuttosto abbandonata.

Durante l'incontro, inoltre, ampio spazio è stato dedicato al Porto di Trieste, il cui rilancio creerà secondo Serracchiani ingenti opportunità per il settore dei trasporti. Porta e Gentile hanno quindi reso noto che proprio da lunedì InRail avvierà i primi traffici con lo scalo triestino, un primo punto di partenza che anche l'impresa ferroviaria con sede legale a Genova e una sede operativa a Udine giudica importante rispetto alle grandi prospettive che si annunciano per il porto giuliano. A questo proposito InRail ha già avviato dei contatti con potenziali clienti esteri, interessati a usufruire dell'infrastruttura ferroviaria del Friuli Venezia Giulia che funge da collegamento tra l'Adriatico e diversi Paesi europei.

InRail stessa, è stato detto, sta incrementando i traffici, provvedendo tra l'altro al trasporto di cerali dall'Est Europa attraverso Tarvisio e Villa Opicina, nonché al traffico intermodale tra Piacenza, la Polonia e la Romania sempre attraverso le due stazioni regionali al confine con Austria e Slovenia per un totale di circa 120 treni settimanali.

Serracchiani, anche a fronte della possibilità che nel Porto di Trieste la domanda sia maggiore rispetto all'offerta, ha dunque augurato all'Azienda di proseguire nel percorso di crescita avviato dal 2009 e culminato l'anno scorso con un fatturato di 27 milioni e un organico di 100 persone. Le opportunità per gli operatori ferroviari, ha poi aggiunto la presidente, non giungono solo dal mare, ma anche dagli interporti regionali, per i quali l'Amministrazione regionale auspica un fruttuoso rilancio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento