Trauma cranico dopo un tuffo in Val Rosandra: soccorso un 17enne

Gli operatori del soccorso alpino, con 118 e Vigili del fuoco, hanno trasportato il ragazzo, cosciente ma con cervicalgia, in un luogo accessibile all'ambulanza. Il ragazzo aveva battuto la testa contro un masso in seguito a un tuffo

Foto di repertorio

Si tuffa nel torrente della val Rosandra e batte a testa contro un masso: è accaduto a un ragazzo di 17 anni questo pomeriggio, domenica 21 luglio intorno alle 15:30. Si è reso necessario l'intervento del 118 e del Soccorso alpino e speleologico, che lo hanno trovato cosciente ma con una ferita al capo, trauma cranico e cervicalgia. È stato quindi stabilizzato sulla barella spinale e poi sulla portantina. Per non percorrere tutto il torrente in discesa si è deciso di trasportarlo per un tratto in salita fino alla strada soprastante e per questo si è reso necessario assicurare la portantina e i tecnici con le corde di sicurezza. Il ragazzo è rimasto sempre cosciente ed è stato trasportato al pronto soccorso. Le sue condizioni non sarebbero gravi. All'intervento, scattato intorno alle 16 e conclusosi alle 18, hanno preso parte una decina di tecnici. Anche i Vigili del Fuoco sono intervenuti nel recupero per aiutare la risalita nell'ultimo tratto. 

IMG-20190721-WA0021-2

Potrebbe interessarti

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

  • Ricetta cheesecake ai frutti di bosco, il dolce estivo da provare

I più letti della settimana

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

  • Una proposta di matrimonio "da film" al cinema Nazionale

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Malore in spiaggia, bambina finisce al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento