La tragedia

Tragedia in Croazia, scontro tra due treni, tre morti e 11 feriti

E' successo nella tarda serata di ieri nei pressi della città di Novska. Secondo quanto riportato da media locali, tra i feriti ci sarebbero anche alcuni migranti di nazionalità iraniana

NOVSKA (Croazia) - Tre morti e 11 feriti, alcuni dei quali in maniera grave. È questo il bilancio, ancora provvisorio, dell'incidente ferroviario avvenuto nella notte vicino alla città di Novska, nella Croazia orientale. Secondo quanto riportato dalla televisione pubblica croata, un treno merci e uno che trasportava passeggeri si sono scontrati. Le tre vittime accertate sono di origine croata, mentre otto degli 11 feriti sono cittadini stranieri, tra i quali ci sarebbero alcuni migranti di nazionalità iraniana. Dopo l'arrivo dei soccorsi, le persone rimaste coinvolte nell'incidente ferroviario sono state trasportate nelle città di Slavonski, Brod, Pakrac e Nova Gradiska.

La direzione della Protezione civile croata ha annunciato che squadre mediche, vigili del fuoco e agenti di polizia si sono recati sul luogo dell'incidente, dove sono arrivati anche il primo ministro, Andrej Plenkovic, ed il ministro della Salute, Vili Beros. Plenkovich, tramite il suo account Twitter, ha annunciato un'indagine "per determinare tutte le circostanze di questo incidente ferroviario".

"Tre persone sono morte nell'incidente - ha detto Plenkovic - almeno 11 i feriti portati in ospedale Sappiamo che tre sono croati e 8 stranieri. Alcuni feriti sono gravi, ma nessuno è in pericolo di vita. Spero che non ci siano altre vittime". Le cause dell'incidente non sono ancora state chiarite, ma secondo quanto riportano i media locali, sembra che il treno passeggeri non abbia rispettato il segnale rosso di stop, andando così a travolgere a forte velocità il treno merci, fermo per un problema tecnico. Una dinamica che verrà accertata dalle indagini già avviate dalle autorità croate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia in Croazia, scontro tra due treni, tre morti e 11 feriti
TriestePrima è in caricamento