Trieste chiama Atene: in 50 al presidio di solidarietà al popolo greco (FOTO)

Alla manifestazione presenti le bandiere della Grecia, di Sinistra Ecologia e Libertà, de L'altra Europa con Tsipras, di Rifondazione Comunista e dei Cobas. Presente anche il presidente del consiglio comunale Iztok Furlanic

Circa cinquanta persone hanno partecipato oggi pomeriggio dal presidio a sostegno del popolo greco in Piazza della Borsa organizzato dalla lista "Trieste con Tsipras", a cui hanno aderito tra gli altri SEL, Casa delle Culture e i Cobas, presenti con le proprio bandiere.

La manifestazione fa parte di una mobilitazione nazionale che ha avuto il suo epicentro a Roma. L'evento principali si è svolto nella capitale a partire dalle 14.00 in Piazza dell'Indipendenza mentre presidi si sono svolti in tutte le principali città italiane.

«Fermiamo lo strapotere dei mercati, delle banche, della trojka, le politiche reazionarie e antipopolari dei governi liberisti» affermano nel volantino di presentazione dell'iniziative gli organizzatori. 

«La Grecia con il voto - continuano gli oranizzatori - ha scelto la dignità, i diritti, la democrazia. Soteniamola. Dimostriamo concretamente piena solidarietà con il popolo greco. Costruiamo l'alternativa anche a questo governo italiano, respingiamo le sue politiche economiche e sociali, i suoi piani di svilimento della democrazia e di involuzione autoritaria della società».

«Il nemico - sottolinea il volantino - e' il neoliberismo che di fatto oggi governa Commissione Europea, Banca Centrale, Fondo Monetario Internazionale (la “troika”), imponendo di rinnovare i prestiti solo ai Paesi che:
•    tagliano i servizi pubblici, sanità e pensioni
•    diminuiscono il costo del lavoro comprimendo ed eliminando i diritti dei lavoratori
•    svendono al capitale privato i beni pubblici, e sopratutto le aziende statali che possono produrre profitto per lo Stato».

«Questa - affermano gli organizzatori - è un'austerità a senso unico, fatta di sacrifici obbligatori per i più deboli, da cui i ricchi sono esentati. Le sole riforme efficaci sono quelle che fanno pagare chi può e chi si è arricchito violando le regole, non sempre i lavoratori e la povera gente: sono quelle che combattono la corruzione, l'evasione fiscale, la fuga dei capitali, i privilegi di caste e corporazioni, che favoriscono l'istruzione e la ricerca, attuano politiche di redistribuzione del reddito, di giustizia sociale, di dignità e tutele per il mondo del lavoro».

«La Grecia - conclude la nota - , affidando il Governo a Tripras, ha detto BASTA. Il neoliberismo ha portato a una emergenza umanitaria di proporzioni inaudite: l' ”austerity” ha prodotto fame, miseria e disperazione e NON ricchezza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale davanti al Red Baron: deceduta una ragazza di 22 anni

  • Stop al pieno oltre confine: la Slovenia mette il Fvg in zona rossa

  • Il ricordo di Sara, vittima della strada a soli 22 anni: "Un'anima pura"

  • Coronavirus: 334 nuovi casi di cui 141 a Trieste, 3 decessi in Fvg

  • Scuole, didattica a distanza al 50%: la nuova ordinanza di Fedriga

  • Nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi dopo le 18, stop alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento