Trieste tenta di vivacizzare l'estate per ripartire, in arrivo i sabati colorati

La manifestazione inizia sabato 18 luglio e ogni due fine settimana fino al ponte di Ognissanti vedrà le vetrine dei negozi e gli esercizi pubblici tingersi di mille colori. Sconti, notte dei saldi, musei aperti e molto altro per attrarre visitatori

foto Aiello

Trieste prova a far ripartire l’economia cittadina ed il turismo coinvolgendo gli esercizi pubblici in una grande e colorata iniziativa urbana che, ogni due sabati dal prossimo 18 luglio al ponte di Ognissanti, animerà la città con vasti spazi pedonali, sconti ed eventi culturali. Trieste Colour Saturdays, questo il nome della kermesse ideata ed organizzata dalla ConfCommercio e dalla Fipe, con il supporto dell’amministrazione comunale, rappresenta quella che l’assessore al Commercio Serena Tonel ha definito “una grande animazione urbana che si pone l’obiettivo di dare slancio al commercio locale”.

Campagna di promozione

Grazie ad una massiccia campagna di promozione cittadina rivolta non solo ai residenti ma anche e soprattutto nei confronti dei visitatori che arrivano da fuori, il sabato sera dei triestini punta a ridare “un’immagine di vivacità” capace di attrarre turisti e dare la possibilità di visitare i musei aperti, fare shopping, prendere l’aperitivo in compagnia e, perché no, assistere a qualche evento sempre nel rispetto delle normative anti CoViD. “Con questa importante iniziativa – ha spiegato la Tonel - vogliamo dare una mano al commercio locale anche per riuscire a compensare i mancati arrivi a causa dell’emergenza sanitaria”. Virus che non andrà a cancellare la tradizionale notte dei saldi che quest’anno si terrà sabato 1 agosto e che, come da “protocollo”, vedrà il centro chiuso al traffico per permettere alle persone di passeggiare senza grandi preoccupazioni.

La novità

Elemento di assoluta novità è il fattore colore. A seconda del calendario, infatti, gli esercizi pubblici produrranno una livrea colorata per aggiungere spensieratezza all’evento e, caratteristica principale, offriranno degli sconti alle persone vestite con lo stesso colore della manifestazione. L’operazione colore dell’estate triestina coinvolgerà non solo i negozi, bensì anche i bar, i buffet e, più in generale, gli esercizi pubblici. “Vogliamo che sia una manifestazione diffusa – ha sottolineato l’assessore – che non tenga conto esclusivamente del centro storico, bensì chiedendo la partecipazione anche delle periferie”. L’idea è quella di restituire l’immagine di una città viva e capace di superare, grazie al lavoro dei tanti attori in campo, la difficile crisi innescata dalla diffusione del Coronavirus.

Fare rete con gli altri eventi

Trieste Colour Saturdays infine non andrà a sovrapporsi alle manifestazioni in programma tra settembre ed ottobre. “Fare rete ed integrare le diverse iniziative è la base per mettere assieme i sabati colorati ad Esof, Barcolana e agli altri eventi dei prossimi mesi” ha concluso la Tonel. E’ un modo per tentare di ripartire tutti assieme e, se vogliamo, un progetto di solidarietà economica tra i commercianti e le persone attratte dal fascino della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Il Wi-Fi in casa è pericoloso per la salute: l'Iss fa chiarezza

  • Indietro fino ad inizio ottobre, nei 1432 positivi di oggi "pesano" i dati di Insiel

  • Covid, Fedriga: "Rt in calo, possibile ritorno in zona gialla dalla prossima settimana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento